20 novembre 2018
Aggiornato 18:30

Tre mila risparmiatori truffati: sequestrati 47 milioni di euro

I reati contestati nell'inchiesta coordinata dalla Procura della Repubblica di Pordenone e condotta dagli investigatori del Gruppo della Gdf di Portogruaro sono quelli di associazione a delinquere, truffa aggravata, esercizio abusivo di attività di gestione del risparmio, autoriciclaggio
Tre mila risparmiatori truffati: sequestrati 47 milioni di euro
Tre mila risparmiatori truffati: sequestrati 47 milioni di euro (Guardia di Finanza)

PORDENONE - Oltre tremila i risparmiatori truffati in Friuli Venezia Giulia e Veneto per un totale di 72,3 i milioni di euro raccolti abusivamente. Sono questi gli impressionanti numeri di una maxi truffa, operata da un'organizzazione di falsi promotori finanziari, sgominata da un'operazione del Comando provinciale della guardia di Finanza di Venezia e perfezionata la notte scorsa con un centinaio di militari che hanno eseguito 17 misure cautelari e decine di perquisizioni e acquisizioni di dati. Il decreto ha disposto la custodia cautelare in carcere per il principale indagato, gli arresti domiciliari per 5 persone e l'obbligo di dimora per altre 11.

SEQUESTRI - Sono in corso di esecuzione anche sequestri preventivi finalizzati alla confisca di beni e disponibilità degli indagati per un ammontare complessivo di 47 milioni di euro. I reati contestati nell'inchiesta coordinata dalla Procura della Repubblica di Pordenone e condotta dagli investigatori del Gruppo della Gdf di Portogruaro sono quelli di associazione a delinquere, truffa aggravata, esercizio abusivo di attività di gestione del risparmio, autoriciclaggio.

MILIONI - Sono 72,3 i milioni di euro raccolti abusivamente, a danni di oltre 3 mila risparmiatori, dai falsi promotori finanziari fermati nel corso di un'operazione del Comando provinciale della Gdf di Venezia.

IL MECCANISMO - Dalle indagini è emerso che il meccanismo di truffa verteva nell'offerta di investimenti del mercato Forex a elevato e immediato rendimento. I capitali raccolti abusivamente invece di essere investiti venivano in parte utilizzati per remunerare i primi investitori, così da consolidare la credibilità dell'operazione, per alimentare l'architrave della truffa, e in parte dirottati in conti correnti italiani e stranieri degli indagati. Per questa ragione, la somma di 28,9 milioni di euro è stata effettivamente liquidata agli investitori, che l'hanno così potuta recuperare.

RASSICURAZIONI - Per rassicurare i clienti era anche stato creato un sito internet, accessibile unicamente con credenziali personali, nel quale venivano divulgati dati artefatti circa i rendimenti che l'operazione finanziaria continuava a garantire.

ALL’ESTERO - Il sodalizio criminale si è anche avvalso di società estere con sedi in Slovenia, Croazia e Gran Bretagna grazie alle quali è stato aggirato il divieto all'esercizio di raccolta finanziaria già imposto dalla Consob nel 2016 all'uomo considerato l'artefice del sodalizio - un 53enne di Portogruaro, arrestato stamani - e a una sua società italiana.

I PROVENTI - I proventi delle attività illecite sono stati riciclati dai principali indagati attraverso l'acquisto di immobili in Veneto, Friuli Venezia Giulia ed Emilia Romagna per un valore di 3,7 milioni di euro, il cui sequestro è in fase di perfezionamento in queste ore.