24 settembre 2018
Aggiornato 18:00

Nel Giardino del Doge Manin: in mostra il meglio del florovivaismo

A Villa Manin di Passariano il 15 e il 16 settembre la mostra mercato accompagnata da incontri culturali, tutti dedicati agli alberi, laboratori e degustazioni
Nel Giardino del Doge Manin: in mostra il meglio del florovivaismo
Nel Giardino del Doge Manin: in mostra il meglio del florovivaismo (Villa Manin)

CODROIPO - Forse non tutti lo sanno, ma gli alberi sono dotati di vista, tatto, olfatto, si addormentano, si svegliano, intessono relazioni d’amicizia e fanno sesso: parola di Daniele Zovi, tecnico forestale e autore di un bellissimo libro sull’argomento: «Alberi sapienti, antiche foreste» (Utet, 2018).

INCONTRI - Chi non ne è ancora convinto e vuole farselo spiegare da uno che sugli alberi ci vive e coi rami ci parla — si chiama Pietro Maroè e lo ha raccontato nel libro «La timidezza delle chiome» (Rizzoli, 2017) — è invitato a Villa Manin sabato 15 e domenica 16 settembre: ci sarà anche Andrea Maroè, papà di Pietro e del tree-climbing in Italia e padre pure (se padre è colui che si prende cura) di tanti alberi monumentali sparsi un po’ in tutto il mondo. E anche Alessandro Peressotti e Giorgio Alberti, docenti universitari, che potranno rassicurare i presenti sul fatto che queste teorie sugli alberi non sono fantasie, mentre Monica Mazzolini, storica dell’arte e della fotografia, e Sara Alzetta, attrice, racconteranno come questi fratelli verdi hanno ispirato la fantasia di tanti artisti: poeti, fotografi, pittori. Il giornalista e direttore di Trieste Prima, Nicolò Giraldi, invece, testimonierà l’incontro con tanti alberi, non solo di fantasia.

ESPOSITORI - Oltre a mille curiosità sugli alberi attenderanno i visitatori anche cento espositori di fiori e piante, il meglio del florovivaismo italiano e non solo, pronti a svelare i loro segreti per coltivare il benessere e vivere in armonia con la natura e con se stessi. E non mancheranno i prodotti tipici del territorio e un concerto all’ombra del cedro.

L’EVENTO - L’iniziativa, giunta ormai alla nona edizione, nasce sotto la regia dell’Erpac, l’Ente Regionale per il Patrimonio Culturale della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, che per la quarta volta si è affidata al coordinamento della cooperativa sociale «Agricola Monte San Pantaleone»; gode del patrocinio della Città di Codroipo e del contributo della Banca di Credito Cooperativo di Staranzano e Villesse.

Qui il programma completo: www.villamanin.it