17 giugno 2019
Aggiornato 01:30
la notte del 26 novembre 2013

Omicidio di Remanzacco, condanna a 20 anni per il muratore che uccise il figlio

La sentenza nei confronti di Andrei Talpis è stata pronunciata dalla Corte d'assise d'appello di Venezia
La Corte d'Appello di Venezia
La Corte d'Appello di Venezia

REMANZACCO - La Corte d'assise d'appello di Venezia ha condannato a 20 anni di reclusione Andrei Talpis, il muratore di origini moldave che la notte del 26 novembre 2013, a Remanzacco, colpì a morte con un coltello da cucina il figlio adottivo Ion, di 19 anni.

Un percorso giudiziario non senza polemiche quello che ha coinvolto Talpis, visto che la Corte di cassazione aveva annullato la condanna all'ergastolo pronunciata dal gup del tribunale di Udine nel 2015 e confermata dalla Corte d'assise d'appello di Trieste nel 2016.

Ora è arrivata questa nuova sentenza, al termine del processo d'appello bis, con Talpis che è stato condannato a 20 anni per l’omicidio del figlio adottivo e per il tentato omicidio della moglie.