19 ottobre 2018
Aggiornato 01:00

Barriere architettoniche, Striscia la Notizia è tornata a Udine

A finire nel mirino ci sono le fermate dei bus, che non sono attrezzate per la salita e la discesa sui mezzi pubblici delle carrozzine
Barriere architettoniche, Striscia la Notizia è tornata a Udine
Barriere architettoniche, Striscia la Notizia è tornata a Udine (Fb)

UDINE – Striscia la Notizia è tornata in città per occuparsi di quella che, nel recente passato, è stata definita ‘l’odissea dei disabili’. A finire nel mirino ci sono le fermate dei bus, che non sono attrezzate per la salita e la discesa sui mezzi pubblici delle carrozzine (i bus, invece, le pedane per i disabili le hanno, ma non possono essere utilizzate in tutte le fermate).

L’inviato del tg satirico arrivato in città è stato Luca Galtieri, come ‘testimonia’ una foto postata sul suo profilo Facebook dall’assessore comunale Elisa Asia Battaglia. «Anche il Comune di Udine – ha scritto l’esponente della giunta Fontanini – si sta impegnando per un’accessibilità a 360° della città». Galtieri, oltre a Battaglia, ha ascoltato anche le parole del vicepresidente della Regione Riccardo Riccardi e del sindaco di Campoformido Monica Bertolini.

L’obiettivo, come dichiarato dagli amministratori su sollecitazione dell’associazione di tutela per i Diritti del Malato, è eliminare le barriere architettoniche che impediscono ai disabili della città e ai turisti di utilizzare liberamente i trasporti pubblici. Parole che ora devono tramutarsi in fatti: Striscia la Notizia ha assicurato che tra 6 mesi una troupe tornerà a Udine per controllare se la situazione è davvero migliorata.