22 novembre 2019
Aggiornato 03:30
Majano

Snaidero, incontro con i sindacati: gli esuberi sono un centinaio

Già sottoscritto l'accordo sulla cassa integrazione straordinaria, si è discusso anche degli obiettivi della riorganizzazione aziendale
Snaidero, incontro con i sindacati: gli esuberi sono un centinaio
Snaidero, incontro con i sindacati: gli esuberi sono un centinaio

MAJANO - Venerdì 27 settembre si è tenuto un nuovo incontro tra i vertici del gruppo Snaidero, presenti l’amministratore delegato Massimo Manelli e la direzione aziendale, le Rsu e le rappresentanze territoriali dei sindacati di categoria Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil. L’incontro, dopo la sottoscrizione dell’accordo sulla cassa integrazione straordinaria, ha permesso di proseguire il confronto già avviato sulla gestione degli esuberi e sugli obiettivi della riorganizzazione aziendale.

I LICENZIAMENTI SARANNO SU BASE VOLONTARIA - L’azienda ha ottenuto l’omologa del piano industriale, che prevede l’accordo con tutti i creditori e il rilancio attraverso investimenti mirati, ma anche una ristrutturazione interna che comporta una pesantissima dichiarazione di esuberi. Ad oggi il numero degli eccedenti nel piano è pari a un centinaio e sarà gestito attraverso licenziamenti non oppositivi: le uscite dei lavoratori saranno pertanto su base volontaria, con particolare riguardo per coloro che potrebbero raggiungere la quiescenza nell’arco temporale di utilizzo degli ammortizzatori sociali.
Le rappresentanze sindacali e i lavoratori tutti, che in questi anni hanno vissuto le criticità della situazione aziendale con grande senso di responsabilità, si aspettano il massimo sforzo da parte della nuova proprietà, affinché gli investimenti necessari al rilancio siano immediatamente posti in essere. Nel corso dell’incontro sono state ottenute risposte positive in tal senso.

GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI POTREBBERO RIDURRE l'IMPATTO - Quanto alle ricadute occupazionali annunciate, il periodo di utilizzo della Cigs potrebbe risultare sufficiente per consentire un ridimensionamento degli effetti negativi. Il percorso di confronto proseguirà attraverso costanti verifiche congiunte sull’andamento del piano, al fine di gestire al meglio questa fase cruciale di svolta per la storica azienda.