19 ottobre 2018
Aggiornato 20:30

Morta a 16 anni per droga: le parole di Fontanini e Fedriga

Il sindaco è pronto a implementare le politiche indirizzate ai ragazzi. Il governatore è in contatto costante con il Questore
Morta a 16 anni per droga: le parole di Fontanini e Fedriga
Morta a 16 anni per droga: le parole di Fontanini e Fedriga (Diario)

UDINE - La morta della ragazzina di 16 anni per overdose nei bagni della stazione, a Udine, ha destato la preoccupazione delle istituzioni, oltre ad aver sconvolto la comunità udinese. A intervenire sono stati il sindaco Pietro Fontanini e il governatore Fvg Massimiliano Fedriga. 

LE PAROLE DI FONTANINI - «Desta preoccupazione il tragico fatto di cronaca che si è verificato in zona stazione a Udine. La dinamica dev'essere certamente ancora chiarita e l'amministrazione esprime vicinanza sincera alla famiglia della ragazza. Ora vogliamo soltanto che si accerti la verità su quanto accaduto. Qualora dovesse essere confermata la versione dell'overdose, noi come Comune di Udine ci impegnamo a implementare le politiche indirizzate ai nostri ragazzi puntando sulla sensibilizzazione contro l'uso di sostanze mortali come le droghe».

EVITARE LE TRAGEDIE DELLA DROGA - «Quanto accaduto a Udine, con il ritrovamento nei bagni della stazione ferroviaria di una sedicenne di Palmanova morta, sembra per overdose di eroina, rattrista e preoccupa l'intera comunità del Friuli Venezia Giulia che istituzionalmente rappresento». Lo afferma il governatore della Regione, Massimiliano Fedriga, che, una volta appresa la notizia, si è subito messo in contatto con il questore di Udine, Claudio Cracovia, per essere aggiornato sullo stato delle indagini. «Siamo vicini e solidali con la famiglia della giovane palmarina - aggiunge Fedriga - perché di fronte a certi drammi si deve aprire un'immediata verifica dei fatti ma, al contempo, va compreso e rispettato il lutto di chi ha perso una persona amata che avrebbe potuto e dovuto avere una vita davanti». "Desideriamo tutti - conclude il governatore - sempre maggiore sicurezza e vigilanza sul nostro territorio per contribuire ad evitare le tragedie della droga che, purtroppo, stavolta sono arrivate a stroncare una minorenne di questa regione».