11 dicembre 2018
Aggiornato 02:00

Bentancur e Ronaldo puniscono l'Udinese

La Juventus passa al Friuli 2 a 0 e conquista l'ottava vittoria consecutiva in Campionato
Bentancur e Ronaldo puniscono l'Udinese
Bentancur e Ronaldo puniscono l'Udinese (ANSA)

UDINE - Davanti a uno stadio Friuli esaurito (per metà o più riempito da tifosi juventini, come dimostrano le ovazioni riservate a Ronaldo e compagni), l’Udinese resiste solo mezz’ora, capitolando per 2 a 0 al termine di una partita sofferta. Troppo forte la squadra di Max Allegri per farsi impensierire da questa Udinese. Per i friulani, migliore in campo Simone Scuffet. 

SUCCEDE TUTTO NEL PRIMO TEMPO - I primi minuti dell’incontro si giocano su ritmi piuttosto alti. Mandragora prima, Cancelo poi, provano a dare la scossa al match. L’Udinese non si fa intimorire dalla ‘corazzata’ Juve e al 5’ si affaccia in avanti senza troppa fortuna. Ronaldo mette i brividi al 7’, con una conclusione dal limite dell’area deviata all’ultimo momento da Nuytinck. La Juve guadagna metri e prova a schiacciare l’Udinese nella propria metà campo. Al 10’ è Bentancur a trovarsi a tu per tu con Scuffet, ma lo juventino non aggancia il pallone e l’azione sfuma. Al 13’ lancio per Lasagna che si invola sulla destra prima di essere abbattuto da Chiellini. Ronaldo di fa vedere al 17’ con un colpo di testa che però termina alto. Altra occasione per gli ospiti al 19’: Nuytinck mura Ronaldo, sulla palla si avventa Pjanic che calcia sfiorando l’incrocio. L’Udinese si difende con ordine, ma fatica a varcare la linea di metà campo. Al 33’ arriva il vantaggio della Juventus con Bentancur, bravo a colpire di testa su cross dalla destra e a trafiggere Scuffet. Gran parte del merito, però, è di Dybala, abile a resistere a Fofana e ad innescare Cancelo per l’assist finale. Al 36’ miracolo di Scuffet che mura letteralmente una conclusione ravvicinata di Mandzukic. Al 37’ ecco anche la rete di Ronaldo, che lascia la propria firma al Friuli con un tiro imprendibile vertice sinistro dell’area di rigore. Al 43’ ancora Juve, con Mandzukic che prova a sorprendere Scuffet con un tacco da cross di calcio d’angolo. Un minuto dopo finalmente è l’Udinese a provarci, con un tiro di Barak che colpisce la parte esterna del palo.

NELLA RIPRESA QUALCHE OCCASIONE FRIULANA IN PIU' - La ripresa si apre con una grande occasione per l’Udinese, che al 5’ potrebbe accorciare le distanze, dopo un batti e ribatti in area, se Alex Sandro non salvasse sulla linea di porta. I padroni di casa hanno maggiori spazi in questa ripresa, ma la Juve non rinuncia ad attaccare, come avviene al 10’ con Dybala. Per fortuna, nell’occasione, il tiro a giro dell’argentino termina fuori dallo specchio della porta. Cresce l’intensità della pioggia così come il tifo della Curva Nord, ma il volto della partita non cambia. Azione personale di Ronaldo al 22’: il portoghese supera un paio di avversari e fa partire un tiro che Scuffet blocca. Ancora CR7 ispira al 25’ in area, dando modo a Bernardeschi di calciare, con l’estremo difensore dell’Udinese che si supera e para. Juve ancora pericolosa al 27 con Mandzukic che con un diagonale sfiora il palo. Al 23’ botta da fuori area di Pussetto, respinta non senza fatica da Szczesny. Al 29’ è Ronaldo a calciare a colpo sicuro dal cuore dell’area, ma Scuffet è reattivo e respinge con i piedi. Al 40’c’è ancora tempo per una traversa colpita da Cancelo, prima del fischio finale dopo 4 minuti di recupero. L'Udinese resta inchiodata a 8 punti.