10 dicembre 2018
Aggiornato 21:30

Cinquant’anni (e una settimana!) di cultura con La Panarie

Nove eventi in sette giorni per promuovere le eccellenze del territorio
Cinquant’anni (e una settimana!) di cultura con La Panarie
Cinquant’anni (e una settimana!) di cultura con La Panarie (AdobeStock | rbr09-Dg062015)

FRIULI - La rivista La Panarie (Nuova serie) festeggia quest’anno le nozze d’oro con la cultura e i suoi lettori organizzando una settimana di eventi che vedono protagoniste alcune particolari eccellenze della regione. Nata nel 1924 ad opera di quel lungimirante uomo del mondo che fu Chino Ermacora, nel 1968 la testata viene rifondata da Alfeo Mizzau, che si circonda di un ampio gruppo di intellettuali per inquadrare correttamente un periodo movimentato che vede via via la nascita della Regione, la costituzione dell’Università di Udine, l’affermazione dell’autonomismo. 

ECCELLENZE  - Oltrepassate queste fasi, nei tempi più recenti La Panarie testimonia la propria linea editoriale dedicandosi alla promozione delle eccellenze del territorio: «La nostra terra è ricca di realtà o di persone che impegnano costantemente e duramente le proprie competenze per raggiungere traguardi alti», spiega Vittorio Zanon, direttore editoriale della rivista, «e questi risultati meritano di essere conosciuti e valorizzati. La Panarie è davvero orgogliosa di ospitare sulle proprie pagine queste storie, perché sono il risultato di una cultura viva e di un’incessante operosità della quale non possiamo che andare fieri». In un mondo che viaggia fra «tweet» e «like», La Panarie non rinnega la classica e odorosa versione cartacea, ma si apre comunque ai cambiamenti di un mondo in continua evoluzione. Oltre all’edizione digitale, La Panarie ha scelto di incrementare il radicamento e la diffusione sul territorio. Dopo un periodo di prova con il format degli «Incontri della Panarie», si è appena costituita l’associazione culturale «Amici della Panarie» che raccoglie il testimone della gestione di tutte le attività culturali collaterali, di cui un esempio è proprio il cartellone per il Cinquantesimo. «La difficoltà non è stata nel trovare gli eventi da proporre in questa settimana, quanto piuttosto, al contrario, quella di selezionarli tra una messe di opzioni», commenta sempre Vittorio Zanon, «e questa è già la spia di tutte le disponibilità future e di quanto lavoro ci aspetti per organizzarne la promozione».

EVENTI - Da questi presupposti vede la luce la settimana di incontri ideata per festeggiare degnamente questo importante anniversario: nove appuntamenti, non meno di uno al giorno, tra domenica 7 e sabato 13 ottobre, diffusi in diverse sedi della regione. Musica liturgica antica del Patriarcato aquileiese e un versatile gruppo vocale, tre collezioni praticamente uniche nel loro genere (la Biblioteca Guarneriana antica, il Museo del Vino e del Vetro, la Sala Museale dei Guastatori), un concorso letterario davvero innovativo rivolto ai giovani, una cena coraggiosa, un incontro sulla storia e uno sul futuro, una salubre passeggiata all’aperto fra le opere d’arte religiose della Carnia e uno spettacolo teatrale ricco di suggestioni: questi sono i preziosi ingredienti per una ricetta capace di soddisfare tutti i gusti, anche i più esigenti. «La sorpresa più gratificante è stata la collaborazione e il sostegno a questo progetto da parte di svariate istituzioni pubbliche e associazioni culturali, che hanno riconosciuto non solo la qualità delle proposte ma anche l’importanza della diffusione sul territorio», aggiunge Vittorio Zanon, «e le sinergie collaborative sono da sempre lo strumento più efficace per condividere gli sforzi e moltiplicare i risultati reciproci». «Invitiamo tutti i collaboratori, vecchi e nuovi, i lettori, i curiosi e gli appassionati di cultura a partecipare numerosi a questa settimana», esorta Zanon, «perché la loro soddisfazione è il nostro miglior trampolino verso il futuro». Tutti gli appuntamenti sono ad ingresso gratuito eccetto la cena delle Contaminazioni; alcuni tuttavia, per esigenze tecniche o di sicurezza, sono a numero chiuso con prenotazione.

Per informazioni si può scrivere a cinquantesimo@lapanarie.it o chiamare il numero +39 389 086 3351 (in orario di ufficio). 

PROGRAMMA 
Domenica  7 ottobre, alle  21, Chiesetta di San Giacomo, via San Giacomo 3, Camino di Buttrio Schola aquileiensis 
Lunedì  8 ottobre, alle  18, Sala Convegni della Fondazione Friuli, via Daniele Manin 15, Udine modera Paolo Medeossi 
Martedì  9 ottobre, alle  18, Villa dei Vigneti Pittaro, via Udine 67 (SS 13), Beano di Codroipo chef Roberto Gruden 
Mercoledì  10 ottobre, alle  18, Biblioteca Guarneriana Antica, via Roma 1, San Daniele del Friuli Elisa Nervi e Angelo Floramo 
Giovedì  11 ottobre, alle  11, Salone della Società Filologica Friulana, via Daniele Manin 18, Udine Mario Turello e Stefano Stefanutti 
Venerdì  12 ottobre, alle  18, - 3º Reggimento Genio Guastatori Caserma «M.O.V.M. Giovanni Battista Berghinz», via San Rocco 180, Udine 1º mar. Alessandro Corbia e 1º mar. Vincenzo Mennuti 
Sabato  13 ottobre, alle  10, Punto di ritrovo, via G. Lenna (angolo via Nazionale), Socchieve Nadia Danelon 
Sabato  13 ottobre, alle 20.30., Auditorium «Santa Cecilia», via Roma 28, Pradamano Francesco Cevaro + Iuvenes Harmoniæ