19 novembre 2018
Aggiornato 00:30

Il controsoffitto del Carnera non è a norma: il Comune sborsa 50 mila euro

Interventi urgenti per poter ottenere il collaudo tecnico della struttura e di conseguenza il via libera a ospitare spettacoli
Il controsoffitto del Carnera non è a norma: il Comune sborsa 50 mila euro
Il controsoffitto del Carnera non è a norma: il Comune sborsa 50 mila euro (Diario)

UDINE – La ‘telenovela’ palasport Carnera non è ancora finita. Poiché alcuni lavori della copertura interna con sono stati eseguiti al meglio, il Comune di Udine è costretto a intervenire sborsando 50 mila euro per rifare una parte del controsoffitto. A darne notizia è stato il vicesindaco Loris Michelini nella consueta conferenza stampa post giunta.

«Per poter ottenere il collaudo tecnico della struttura, documento indispensabile per ospitare pubblici spettacoli – chiarisce – dovremo intervenire in quello che oramai è diventato un pozzo senza fondo. La ditta appaltante non è in grado di rimetterci mano in tempi brevi e quindi lo faremo direttamente noi, incaricando un’altra impresa e scalando il costo dall’importo dovuto a chi ha realizzato i lavori al Carnera. Come detto l’opera è urgente: il collaudo è indispensabile per consentire al palasport di ospitare eventi già programmati nei prossimi mesi».

Nessun pericolo per le partite casalinghe della Gsa Udine, in quanto gli interventi in programma non richiederanno la chiusura del palazzetto e quindi l'istituzione di un divieto di accesso all’impianto. Con questi ulteriori lavori il quadro economico per la ristrutturazione del Carnera sale così a 4,4 milioni di euro.