19 novembre 2018
Aggiornato 09:00

Il futuro della stampa in Italia passa per Udine

Oltre 10 milioni di euro il valore commerciale dell'operazione
Il futuro della stampa in Italia passa per Udine
Il futuro della stampa in Italia passa per Udine (shutterstock | fizkes)

UDINE - Il futuro della stampa in Italia passa per Udine. Scritta così, ai più potrebbe sembrare un'esagerazione, ma se Sappi, colosso mondiale per la produzione di carta da stampa con sede in Sudafrica e presente in 100 Paesi nel mondo, sceglie Ecopaper di Udine come precursore italiano per un innovativo progetto di distribuzione della carta, il senso dell'affermazione diventa quanto mai reale. E a testimoniarlo ci sono anche i numeri. Il produttore internazionale di carte patinate con sedi produttive in Europa, Sud Africa e Nord America, ha dichiarato nel 2017, infatti, ricavi di vendita pari a 5,3 miliardi di dollari, mentre l'azienda friulana guidata da oltre 40 anni da Gian Franco Fabris e con sede alla Ziu fattura oltre 10 milioni di euro l'anno, grazie alla sua posizione di leader italiano nel campo della commercializzazione di carta patinata, uso mano e cartone per l'industria grafica.

LO STORICO ACCORDO, per un volume di affari che supera i 10 milioni di euro e che ha portato Sappi a scegliere il distributore ufficiale Ecopaper per la realizzazione in Italia di un progetto di dynamic replenishment (rifornimento dinamico), sarà siglato martedì 23 ottobre alle 11 nella sede dell'azienda in via Slovenia 25 nella Ziu di Udine. L'evento sarà l'occasione non solo per sancire l'accordo, ma anche per presentare un innovativo sistema gestionale che fa di Ecopaper un indiscusso precursore per soluzioni innovative nella logistica a tutto vantaggio della clientela e dell'ambiente, delineando, insieme con Sappi, un percorso tangibile di responsabilità sociale. Martedì 23 ottobre a fare gli onori di casa saranno il General Manager di Sappi Italia, Nicola Tisi, e il presidente di Ecopaper Gian Franco Fabris, alla presenza anche del vicesindaco di Udine, Loris Michelini e del vicepresidente di Confcommercio Udine, Alessandro Tollon. Al termine della mattinata, che sarà anche l'occasione per guardare in presa diretta, grazie a una sorpresa riservata agli ospiti, in cosa consista lo storico accordo, seguirà un conviviale buffet di saluto.