10 dicembre 2018
Aggiornato 04:00

Maltempo Fvg: il M5S si taglia gli stipendi e destina 2 milioni di euro ai territori colpiti

E' quanto dichiarano in una nota i portavoce Fvg alla Camera, Sabrina De Carlo, Luca Sut e l’eurodeputato Marco Zullo
Maltempo Fvg: il M5S si taglia gli stipendi e destina 2 milioni di euro ai territori colpiti
Maltempo Fvg: il M5S si taglia gli stipendi e destina 2 milioni di euro ai territori colpiti (PcFvg)

UDINE - «Con fatti concreti siamo vicini ai territori colpiti dal maltempo, il Friuli Venezia Giulia e a tutte le altre regioni in emergenza», è quanto dichiarano in una nota i portavoce Fvg del MoVimeno 5 Stelle alla Camera, Sabrina De Carlo, Luca Sut e l’eurodeputato M5S Marco Zullo. «Lo avevamo proposto e sarà un onore poterlo fare: i consueti tagli dei nostri stipendi pari a circa 2 milioni di euro del secondo Restitution Day andranno alla Protezione Civile per il maltempo – esordisce la portavoce Sabrina De Carlo -. Mentre Pd e Forza Italia blaterano, ancora una volta il Movimento 5 Stelle dà l’esempio. Oltre che far fronte all’emergenza, ci preme anche fare prevenzione e mettere il territorio in condizione di non essere più esposto a simili rischi. Il taglio dei nostri stipendi si aggiunge alle altre risorse stanziate dal governo per arginare il rischio idrogeologico oltre che riportare la situazione ad un livello di vivibilità accettabile per i cittadini che da giorni vivono disagi importanti».

PENSARE ALLA PREVENZIONE - «In questo momento è necessario intervenire al fine di mitigare i danni, per riprendersi quanto prima. Ed ecco che l'iniziativa del M5S è un gesto significativo, all'interno di un panorama politico che per troppo tempo ha favorito privilegi – annuncia l’eurodeputato Marco Zullo -. La vera vittoria sarà riuscire a mettere in atto un sistema efficace di prevenzione, soprattutto a Nordest, territorio in stato di emergenza che ora più che mai ha bisogno dell'aiuto di tutti. Quello che per alcuni può sembrare un onere rinviabile, per noi è azione fondamentale da mettere in atto subito. Nel momento in cui il nostro territorio ci chiede aiuto, è nostra responsabilità salvaguardarlo, con una duplice missione: intervenire sul qui e ora, avere un piano lungimirante in grado di garantire solidità e prosperità».

UNA POLITICA CHE SA ANCHE DARE - «Vicini ancora una volta, con il cuore e con l'impegno, ai cittadini colpiti dai danni del maltempo delle ultime settimane – aggiunge il portavoce Luca Sut - andiamo fieri di poter costituire un esempio positivo, in grado di attivare quel circolo virtuoso che può cambiare presupposti che sembravano imprescindibili e che noi del MoVimento, credendo in un nuovo valore di politica, abbiamo dimostrato di poter invertire. Devolvere il taglio degli stipendi alla Protezione civile significa aiutare in concreto le popolazioni vittime di alluvioni, e al tempo stesso, inviare un massaggio sociale fatto di senso autentico dell'interesse collettivo che va oltre quello individuale. Siamo una nuova era della politica che oggi, finalmente, oltre che prendere sa anche dare».