19 marzo 2019
Aggiornato 09:30
Udine

Comitati di quartiere: botta e risposta tra maggioranza e opposizione

I consiglieri del Pd Meloni e Venanzi accusano l'assessore Perisutti di aver scavalcato il Consiglio sulle perimetrazioni, attacchi respinti al mittente
Comitati di quartiere: botta e risposta tra maggioranza e opposizione
Comitati di quartiere: botta e risposta tra maggioranza e opposizione Diario di Udine

UDINE – «L’assessore esterno Daniela Peressutti, decidendo autonomamente il cambio dei confini dei comitati di quartiere, svuota di fatto il Consiglio comunale delle proprie prerogative istituzionali». Lo affermano i consiglieri comunali Eleonora Meloni, ex delegata di quartiere a S. Rocco, S.Paolo e S.Osvaldo, e Alessandro Venanzi. Attacco respinto dalla stessa Perissutti: «Non so se prendere la grave accusa di scavalcare l’Aula sulla perimetrazione dei Consigli di quartiere come una svista natalizia o piuttosto come una provocazione. Francamente non vedo altre possibilità».

L'attacco di Meloni e Venanzi

Per i consiglieri Meloni e Venanzi, «si tratta di un pericoloso scavalco delle prerogative consiliari, per quanto tale modifica nella sostanza ricalchi l’emendamento presentato dal centrosinistra in Assemblea, ma rigettato dalla stessa assessore e dalla maggioranza»«Auspichiamo si tratti di un mero errore dell’assessore e del sindaco perché delle due l’una: o c’è una volontà politica di questa giunta di centrodestra di scavalcare il Consiglio Comunale, oppure non conoscono neppure il provvedimento che hanno deliberato. Attendiamo però una chiara risposta». «Una considerazione finale - concludono - fa piacere comunque constatare che Perissutti abbia bisogno dei consigli del centro sinistra per poter governare e conoscere la geografia della città di Udine. D’altro canto, a sette mesi dalla sua nomina, Perissutti non aveva ancora mai fatto un giro dei quartieri e incontrato le realtà che li compongono»

La replica di Perissutti

«Gli attuali confini dei Consigli di quartiere sono quelli passati in Giunta, Commissione e infine in Consiglio Comunale a settembre. Nessuno ci ha più messo mano - assicura l'assessore Perissutti -. Tanto più che nel comunicato che i due consiglieri hanno inviato alla stampa è allegata la mappa corretta, che poi è l’unica approvata dall’Aula».