24 gennaio 2019
Aggiornato 14:30
Udine

Fontanini assicura: «Garantiremo piena applicazione al decreto Salvini»

Il primo cittadino si schiera con Salvini rispondendo, a distanza, alla disobbedienza dei colleghi di Palermo e Napoli
Fontanini assicura: «Garantiremo piena applicazione al decreto Sicurezza varato dal Governo»
Fontanini assicura: «Garantiremo piena applicazione al decreto Sicurezza varato dal Governo» Diario di Udine

UDINE - «Il Comune di Udine garantirà piena applicazione al decreto Sicurezza varato dal Governo e approvato dal Parlamento». Lo annuncia il sindaco di Udine Pietro Fontanini, dando così fiducia alle azioni messe in campo dal ministro degli Interni e rispondendo, a distanza, alla disobbedienza annunciata dai colleghi di Palermo e Napoli, Leoluca Orlando e Luigi de Magistris.

Le parole di Fontanini

«Oltre a condividerne le finalità - prosegue il primo cittadino del capoluogo friulano - ritengo che i contenuti della norma rappresentino un passaggio importante per rafforzare le tutele dei cittadini di Udine, che troppo a lungo hanno pagato le conseguenze di un'immigrazione irregolare fuori controllo. La lotta all'illegalità promossa dal ministro Salvini - conclude Fontanini - troverà dunque nella città che ho l'onore di rappresentare una solida alleata, nell'esclusivo interesse di tutti quei cittadini, anche non italiani, che rispettano la legge e le nostre tradizioni».

Cosa prevede il decreto Salvini

Tra le novità del decreto voluto dal ministro dell’Interno, viene cancellato il permesso di soggiorno per motivi umanitari, che aveva la durata di due anni e consentiva l'accesso al lavoro, al servizio sanitario nazionale, all'assistenza sociale e all'edilizia residenziale. Previsti il fondo rimpatri e il diniego della protezione internazionale nel caso di condanna definitiva anche per i reati di violenza sessuale, spaccio di droga, rapina ed estorsione. Il decreto dispone la revoca della protezione umanitaria ai profughi che rientrano senza «gravi e comprovati motivi» nel Paese di origine, una volta presentata richiesta di asilo.