16 ottobre 2019
Aggiornato 20:00
L'annuncio

Trasporto ferroviario: aumentano le tariffe. Fvg tra le regioni più care d'Italia

La segnalazione arriva dal Comitato pendolari Alto Friuli
Trasporto ferroviario: aumentano le tariffe. Fvg tra le regioni più care d'Italia
Trasporto ferroviario: aumentano le tariffe. Fvg tra le regioni più care d'Italia

UDINE - Dopo il blocco delle tariffe 2016, 2017 e 2018, il nuovo anno porta un aumento, seppur lieve, delle tariffe ferroviarie in Fvg. Come mette in evidenza il Comitato pendolari Alto Friuli, si tratta di un adeguamento del prezzo dei biglietti di corsa semplice e degli abbonamenti (mensili e quindicinali) rispetto al tasso di inflazione medio annuo Istat. Non subiranno invece incrementi le tariffe degli abbonamenti pluricorsa mensili/quindicinali (2 corse al giorno per 3 o 5 gg settimana), dei servizi transfrontalieri (Trieste-Udine-Villach e Udine-Trieste-Lubiana) e quelle promozionali (Sacile-Maniago).

Le nuove tariffe

L’aggiornamento delle tariffe per il 2019 prevede pertanto, per i titoli di corsa semplice un aumento medio del 2,8% con arrotondamento a 0,05 euro; per gli abbonamenti mensili un più 0,50 euro rispetto alla tariffa 2018; per gli abbonamenti quindicinali un più 0,30 euro rispetto alla tariffa 2018. Volendo portare degli esempi concreti, viaggiare tra Udine e Trieste via Gorizia costerà 9 euro anziché 8,75 (corsa semplice), 101,60 anziché 101,10 euro (In abbonamento), tra Udine e Codroipo 3,40 anziché 3,30 e 57,75 anziché 57,25, tra Gemona e Udine 3,40 anziché 3,30 e 57,75 anziché 57,25 euro.

Tariffa integrata Tarvisio-Udine

 E’ stata confermata la tariffa integrata lungo la direttrice Tarvisio-Gemona-Udine, ove sarà possibile con il medesimo titolo viaggiare sia con il treno che sui bus. Tale tariffa non subirà alcun rincaro, pertanto resterà invariato il costo degli abbonamenti mensili o quindicinali pluricorsa (2 corse/giorno limitate a 5 gg a settimana; 2 corse/giorno limitate a 3 gg. a settimana; 2 corse/giorno 5 gg a settimana) tra i più utilizzati dai pendolari dell’Alto Friuli. 

La Sacile-Maniago

Dopo la riattivazione della linea Pedemontana del Friuli è stata confermata la tariffa promozionale lungo la tratta Sacile-Maniago, relativa al biglietto di corsa semplice, ridotto al 50% rispetto alla tariffa ordinaria. E’ stata inoltre prevista una tariffa integrata treno/bus per i servizi lungo la direttrice Sacile-Pinzano, ovvero per quelli che usufruiscono in parte della tratta fs (Sacile-Maniago) e in parte per quella bus Atap (Maniago-Pinzano). Tale tariffa riguarda i titoli di viaggio di corsa semplice/abbonamento mensile/abbonamenti annuale e abbonamento annuale studenti. Nelle more del completamento dei sistemi di vendita Trenitalia, sono utilizzabili anche per la tratta ferroviaria i titoli di viaggio Atap.

Servizi transfrontalieri

Confermate anche le tariffe dei servizi ferroviaria transfrontalieri lungo le direttrici Trieste-Udine-Villach (Mi.Co.Tra) e Udine-Trieste-Lubiana (CrossMoby). Per quanto riguarda Micotra, queste le tariffe relative alla direttrice Trieste-Udine-Villach: Trieste-Villach: 17 euro (8,50 euro ridotto), Udine-Villach: 13 euro (6,50 euro ridotto), Gemona-Villach: 11 euro (5,50 euro ridotto). E’ stato prevista inoltre la possibilità di acquistare abbonamenti transfrontalieri settimanali o mensili.
Confermate pure le riduzioni in favore dei ragazzi (6-15 anni), per le famiglie, gli over 60 e i gruppi e le gratuità per i bambini fino a 6 anni e il trasporto di cani.  

Confronto con le altre regioni

Il Fvg è la regione più cara d’Italia per quanto concerne le tariffe dei biglietti di corsa semplice (fascia 81/90 km): un biglietto Udine-Trieste costa infatti 9 euro contro i 7,3 della Milano-Brescia (Lombardia), i 7,45 della Verona-Padova (Veneto) e i 7,35 della Bologna-Cesena (Emilia Romagna); al Centro e Sud Italia i prezzi risultano ancora più contenuti (6,3 in Puglia, 6,5 nelle Marche, 6,6 in Abruzzo e 6,9 in Sicilia) a fronte anche di una offerta e una qualità del servizio decisamente inferiore.   
Viaggiare in Fvg nelle fasce da 21 a 40 km risulta invece più conveniente che in Veneto, Piemonte, Liguria e Toscana dove le tariffe sono più alte dal 5 al 12%. Le tariffe delle Province di Bolzano e Treno non sono paragonabili direttamente in quanto si basano su una tariffa centesimo/km percorso e non per fasce.
Per quanto riguarda gli abbonamenti mensili, il Fvg – come per i biglietti di corsa semplice – risulta tra i più cari per quanto concerne le fasce km più elevate (81/90), dove solo Toscana, Sicilia e Piemonte presentano tariffe più alte, mentre gli abbonamenti delle fasce da 21 a 40 km risultano in linea con la media nazionale. Solo l’Emilia Romagna e il Veneto offrono tariffe molto più basse di quelle friulane, anche nell’ordine del 20%.