18 luglio 2019
Aggiornato 11:30
La nomina

E' friulano il nuovo commissario dell'Istituto superiore della sanità

Si tratta di Silvio Brusaferro, professore di Igiene generale e applicata all'Università di Udine. Consensi unanimi dalla politica
E' friulano il nuovo commissario dell'Istituto superiore della sanità
E' friulano il nuovo commissario dell'Istituto superiore della sanità Ufficio Stampa

UDINE – Silvio Brusaferro, professore di Igiene generale e applicata all'Università di Udine, è stato scelto come commissario dell'Istituto superiore della sanità (Iss). Dovrà assicurarne l'operatività fino alla nomina del nuovo presidente, dopo le dimissioni di Walter Ricciardi.

«Faccio i miei complimenti al professor Silvio Brusaferro per la sua nomina a commissario dell'Istituto superiore della sanità (Iss). Accanto alla soddisfazione per il traguardo raggiunto dalla persona, ritengo che questo sia un segnale decisamente confortante a testimonianza della qualità della sanità del Friuli Venezia Giulia, delle sue risorse umane, delle sue potenzialità». Lo dichiara il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute, Riccardo Riccardi.  «Con il professor Brusaferro, che ha fatto parte del Tavolo dei saggi, abbiamo positivamente condiviso i momenti di intenso impegno per la progettazione e la stesura della riforma sanitaria diventata, in sei mesi, legge regionale - ha ribadito Riccardi -. Questo incarico è un riconoscimento alla sua solida preparazione e motivazione».

Positivi anche i commenti dell’opposizione. Il segretario del Pd Fvg Cristiano Shaurli, formulando le sue congratulazioni a Brusaferro, ha detto: «Gli auguriamo buon lavoro: nei prossimi mesi reggerà un Istituto di altissimo prestigio, portando con sé un'esperienza e una competenza che, come hanno onorato l'intero Friuli Venezia Giulia e la sua sanità, porteranno professionalità ed equilibrio in un organismo nazionale».  Per Shaurli «è stata una indicazione impeccabile nei confronti di chi, lo ricordiamo in particolare, ha fornito un grande apporto quale responsabile regionale della qualità e sicurezza delle cure». Sono arrivati anche i complimenti del consigliere regionale del Pd, Mariagrazia Santoro: «Si dà un giusto riconoscimento a una persona competente che si è sempre contraddistinta per aver fondato il suo lavoro sulla scienza, in maniera indipendente. Sono certa che assicurerà l'operatività dell'Istituto, in questo delicato momento».