18 luglio 2019
Aggiornato 11:30
Udine

Controlli della Polizia stradale: inasprimento delle pene per chi guida con il telefonino

In una settimana sono stati controllati 819 veicoli ed elevate 262 violazioni che hanno portato al ritiro di 5 patenti e di 7 carte di circolazione
Controlli della Polizia stradale: inasprimento delle pene per chi guida con il telefonino
Controlli della Polizia stradale: inasprimento delle pene per chi guida con il telefonino Polizia di Stato

UDINE – Diventano più severe le sanzioni per chi viene pizzicato alla guida con il telefono cellulare in mano. Dal primo gennaio la multa è salita a 165 euro e i punti a rischio sulla patente sono diventati 5. Eppure gli automobilisti sembrano non badarci troppo, visto che la Polizia stradale, nell’ultima settimana, ha già scoperto 8 persone alla guida con in mano il telefonino.
E’ quanto emerge dal bilancio dell’attività della sezione Polizia stradale di Udine nella prima settimana del nuovo anno: sono stati controllati 819 veicoli ed elevate 262 violazioni che hanno portato al ritiro di 5 patenti e di 7 carte di circolazione, 33 persone sono state sorprese a circolare senza cinture e, come detto, 8 conducenti facevano uso del cellulare. 7 sono stati gli incidenti rilevati, di cui 4 con persone ferite.

Più di 500 i punti detratti

510 i punti in totale detratti dalle patenti dei conducenti poco attenti al codice della strada. Si rappresenta che ora, anche circolare senza assicurazione, comporta la decurtazione di 5 punti. Più gravi anche le conseguenze per i recidivi, ovvero coloro che sono pizzicati per la seconda volta senza essere in regola con la copertura assicurativa. In quest’ultimo caso, è previsto il raddoppio della sanzione, nonché la sospensione della patente ed il fermo amministrativo del veicolo per 45 giorni.

Nessun ubriaco al volante 

Nella fase dei controlli, è sempre stato messo in funzione l’etilometro per verificare che le rituali abbuffate natalizie non avessero ripercussioni anche sul consumo dell’alcol e i conducenti fermati, si sono rivelati rispettosi della normativa. Predisposti anche servizi in abiti civili per prevenire reati a danno dei viaggiatori in transito e assicurare agli utenti presso le aree di servizio autostradali soste tranquille.