17 giugno 2019
Aggiornato 13:30
PORDENONE

Turismo, Bini: «Punteremo sul 'food trotter' per promuovere il Fvg»

L'annuncio dell'assessore è arrivato alla alla cerimonia di inaugurazione della fiera 'Cucinare'
Turismo, Bini: «Punteremo sul 'food trotter' per promuovere il Fvg»
Turismo, Bini: «Punteremo sul 'food trotter' per promuovere il Fvg» Regione Friuli Venezia Giulia

PORDENONE - La Regione punterà la propria attenzione sulla figura del 'food trotter' per mettere in campo una serie di iniziative con le quali continuare ad attrarre in Friuli Venezia Giulia visitatori richiamati nella nostra terra anche grazie ai prodotti dell'enogastronomia locale. A spiegare il percorso avviato dalla Regione per rafforzare un comparto molto importante per l'economia del territorio è stato l'assessore alle Attività produttive Sergio Emidio Bini partecipando a Pordenone alla cerimonia di inaugurazione della fiera 'Cucinare', il salone per gli appassionati di cucina e i professionisti della ristorazione del nord est.

Alla presenza del presidente dell'ente fieristico Renato Puiatti, della madrina della manifestazione Tessa Gelisio e del direttore di Promoturismo Fvg Lucio Gomiero, Bini ha ribadito il ruolo della Regione nell'ambito della promozione dell'enogastronomia. «Abbiamo la fortuna - ha detto l'assessore Bini - di avere a disposizione molti brand strettamente collegati al nostro territorio che ci permettono di essere riconosciuti a livello internazionale. Sono delle preziosità che meritano una particolare valorizzazione perché ci consentono di esportare la nostra immagine in Italia e nel mondo. L'enogastronomia è dunque un settore strategico sul quale abbiamo deciso di investire molto; ed è per questo motivo che, sin dal nostro insediamento, abbiamo voluto rivedere la strategia legata a questo settore, portando all'interno di Promoturismo fvg la promozione dell'enogastronomia, fino ad oggi affidata all'Ersa. È questo un "cambio di passo" che siamo sicuri darà nuova forza e nuovo vigore all'intero comparto».

Come ha poi avuto modo di spiegare il direttore generale di PromoturismoFvg Lucio Gomiero, la Regione sta focalizzando la propria attenzione sul food trotter, figura nata dal connubio tra il turista che si muove molto alla ricerca di nuove esperienze e lo slow turism legato al cibo. Su questo settore verrà quindi incentrata l'azione di marketing del Friuli Venezia Giulia con campagne appositamente studiate e promosse in diversi mercati di riferimento. Infine è stata ricordata l'importanza delle scuole alberghiere, i cui studenti rappresentano il futuro per l'intero settore. La Regione sta studiando un percorso affinchè questi allievi possano lavorare al fianco dell'amministrazione per portare il nostro territorio nel mondo. La Regione è presente all'interno della Fiera con un proprio stand formato da otto postazioni in cui è possibile cimentarsi con la cucina e dove viene illustrato il progetto delle 'Strade dei vini e dei sapori', che si compone di 300 realtà del territorio.