20 febbraio 2019
Aggiornato 11:00
TV

In onda la puntata di Montalbano girata in Friuli

L'appuntamento è per lunedì sera su Rai 1: il commissario girerà per le strade di Cividale e Venzone
In onda la puntata di Montalbano girata in Friuli
In onda la puntata di Montalbano girata in Friuli Ufficio Stampa

CIVIDALE DEL FRIULI - Finalmente ci siamo: a 10 mesi dalle riprese effettuate in Friuli, tra Cividale e Venzone, lunedì 11 febbraio andrà in onda la puntata «friulana» della nuova serie del Commissario Montalbano. Il ritorno del personaggio impersonificato da Luca Zingaretti vedrà come protagonisti i paesaggi della nostra regione, immortalati lo scorso mese di aprile.

Tra Venzone e Cividale

Nella cittadina immaginaria di Bellosguardo, il commissario Montalbano si muoverà tra Venzone e Cividale, tra il Ponte del Diavolo e il fiume Natisone. L’episodio in onda lunedì sera su Rai 1 si intitolerà ‘L’altro capo del filo’. Si ripartirà dai preparativi del matrimonio tra il commissario e la compagna Livia: così si era conclusa la dodicesima stagione della fortunata serie.

La trama dell'episodio girato in Friuli

Il primo episodio della fiction è ambientato in Friuli Venezia-Giulia, dove Salvo Montalbano si trova per volere di Livia, che lo ha invitato alla festa per il rinnovo della promessa di matrimonio di due suoi amici. Una cerimonia che fa riflettere il commissario anche sulle sue imminenti nozze con la compagna. Nel frattempo, però, dalla Sicilia arriva un nuovo caso per Montalbano: l’omicidio di Elena, una sarta molto apprezzata per i suoi modi cordiali. La sua morte viene collegata ai numerosi sbarchi di migranti in corso a Vigata. Tutto il commissariato infatti è impegnato in turni notturni per permettere ai migranti di sbarcare ordinatamente e in sicurezza. Lo stesso Montalbano, in alcune scene, salirà a bordo delle imbarcazioni che portano i migranti sulle coste siciliane. L’episodio, inoltre, è un omaggio all’attore Marcello Perracchio, morto nel luglio 2017 a 79 anni. Nella fiction, Perracchio interpretava il dottor Pasquano, il medico legale che tante volte ha affiancato Montalbano nelle indagini.