17 settembre 2019
Aggiornato 15:00
Serie A2

Niente cinquina per la Gsa che cade a Roseto

I bianconeri hanno giocato una gara costantemente in svantaggio con tanti errori al tiro
Niente cinquina per la Gsa che cade a Roseto
Niente cinquina per la Gsa che cade a Roseto

UDINE - Non riesce la 'manita' alla Gsa Udine che perde a Roseto per 83 a 70 dopo avere raccolto quattro vittorie consecutive. Davanti alle telecamere di SportItalia (che non portano evidentemente bene ai friulani), i bianconeri hanno giocato una gara costantemente in svantaggio, fatta di fiammate offensive volte a ricucire lo strappo da Roseto, ma anche di tanti errori al tiro e di difese non impeccabili. I padroni di casa si sono dimostrati formazione difficile da affrontare per l'equipe udinese sopratutto per la loro forza atletica che ha trovato sintesi in uno splendido Akele, ala di colore nativa di Treviso di oltre 2 metri di altezza e dalla mano raffinatissima, che è stato l'mvp del match con 18 punti e 10 rimbalzi.
Le percentuali al tiro dalla distanza (32%, contro il 39% dei padroni di casa) sono state particolarmente penalizzanti per gli ospiti che hanno avuto la peggio anche sul piano dei rimbalzi (36 a 31 per Roseto), specialità che normalmente arride ai colori bianconeri. Tra i singoli, buone le prove, anche se non in maniera costante su tutto l'arco della gara, di Powell (14 punti e 8 rimbalzi), Nikolic (11 punti) e Pellegrino (8 punti e l'ormai solito problema di falli), mentre Simpson e Cortese sono incorsi nella classica giornata «no» al tiro.

LA PARTITA - Dopo un primo quarto in sostanziale equilibrio, il break di 11 a 0 realizzato nel secondo dai padroni di casa ha portato Roseto a condurre il match per 33 a 19 e a mantenere un vantaggio a due cifre fino all'intervallo (40-29). La Gsa in avvio di  ripresa, con uno dei pochi momenti di sbandamento della formazione di casa e di gioco in velocità degli ospiti, ha piazzato il controbreak di 11 a 2  che ha riportato a -2 (42-40) Pinton e compagni. Roseto ha, però, successivamente ripreso in mano il gioco, giovandosi anche della cattiva precisione dei bianconeri in alcuni tiri aperti che potevano ribaltare l'inerzia dell'incontro. Dopo essere arrivata fino al massimo vantaggio di +19 (64-45), Roseto ha sofferto un nuovo ritorno di Udine, che con due bombe di Pinton e le iniziative di Nikolic e Simpson è tornata a -8 (73-65), prima che la Cimorosi chiudesse definitivamente il match anche grazie alle ottime giocate del friulano Pierich.

Il passo falso fuori casa, costa l'aggancio al quarto posto a 28 punti di Verona, vittoriosa in casa contro la Bakery Piacenza. I friulani ora torneranno di scena al Carnera il 10 marzo, dopo la pausa per le final 8 di Coppa Italia, contro la derelitta Jesi. Nel frattempo, radio-mercato dà in arrivo da Roma, sponda Leonis, l'ex Mantova e Fortitudo Alessandro Amici.
 

Cimorosi Roseto - G.S.A. Udine 83-70 (20-15, 40-29, 61-45)
Cimorosi Roseto: Simone Pierich 19 (2/7, 3/7), Nikola Akele 18 (7/9, 1/1), Brandon Sherrod 15 (7/13, 0/1), Wesley Person 14 (3/9, 2/3), Lazar Nikolic 6 (2/4, 0/3), Paul Eboua 5 (1/2, 1/3), Jordan Bayehe 4 (2/2, 0/0), Yancarlos jeferson Rodriguez 2 (1/4, 0/0), Andrea Pedicone n.e., Luca Cocciaretto n.e. Alessandro Palmucci n.e., Giovanni Ianelli n.e.. All. D'Arcangeli.
G.S.A. Udine: Marshawn Powell 14 (2/4, 2/2), Trevis Simpson 12 (6/10, 0/5), Stefan Nikolic 11 (4/5, 0/2), Francesco Pellegrino 8 (4/5, 0/0), Marco Spanghero 7 (2/3, 1/3), Mauro Pinton 6 (0/0, 2/3), Riccardo Cortese 5 (1/7, 1/4), Chris Mortellaro 4 (2/4, 0/0), Lorenzo Penna 3 (0/0, 1/3), Salvatore Genovese n.e.. All. Martelossi.