23 maggio 2019
Aggiornato 09:30
L'accordo

Pordenone, nuovo contratto con la Gea per lo smaltimento dei rifiuti

Rispetto al precedente, le farà risparmiare in bilancio circa 50 mila euro l’anno, abbassando il costo del conferimento da 88 a 83 euro per ogni tonnellata di rifiuto umido, un vantaggio anche per i cittadini
Pordenone, nuovo contratto con la Gea per lo smaltimento dei rifiuti
Pordenone, nuovo contratto con la Gea per lo smaltimento dei rifiuti Diario di Udine

PORDENONE - Gea, la partecipata del Comune che gestisce i rifiuti, ha siglato un nuovo vantaggioso accordo per lo smaltimento dell’umido negli impianti di trattamento. Il contratto, rispetto al precedente, le farà risparmiare in bilancio circa 50 mila euro l’anno, abbassando il costo del conferimento da 88 a 83 euro per ogni tonnellata di rifiuto umido. Non solo. Qualora la 'qualità' dei rifiuti migliori, e cioè la differenziata sia ancora più progredita, potrà essere applicato a Gea un ulteriore sconto.

I vantaggi

E’ una buona notizia anche per i cittadini. L’operazione, infatti, non solo permette di contenere le tariffe, ma potrebbe condurre in prospettiva a una loro diminuzione. La convenzione è già operativa ed è valida fino al 2030. E’ stata stipulata con la A&T di Codroipo, società partecipata da un centinaio di comuni, che ha un impianto di compostaggio con recupero energetico a Codroipo. Particolarmente soddisfatto il sindaco Alessandro Ciriani: «Come abbiamo più volte detto in consiglio comunale stiamo mettendo in campo, e non era mai successo prima, un piano di efficientamento e razionalizzazione di Gea teso al contenimento e all’auspicabile riduzione delle tariffe per i cittadini. Un atto tangibile e concreto che ha un impatto significativo sul budget annuale di Gea». Il sindaco sottolinea anche un altro aspetto: «Il fatto di aver strappato un accordo che permette di ottenere ulteriori sconti se la differenziata migliora, chiama direttamente in causa i nostri concittadini, già virtuosi. Dipende anche da loro: più si differenzia bene, più c’è la possibilità di minori costi per Gea e quindi di tariffe convenienti per gli utenti».

La Tari

Per l’assessore comunale all’ambiente, Stefania Boltin, «E' un ottimo accordo che potrebbe incidere positivamente sulla Tari. Peraltro stiamo studiando a tal fine anche altri strumenti e soluzioni». Il nuovo contratto è frutto di un’attenta analisi di mercato sul territorio condotta da Gea. L’obiettivo, pienamente raggiunto, era trovare un impianto con tutte le autorizzazioni per il trattamento dell’umido, capace di ricevere tutti i quantitativi raccolti da Gea, in grado di garantire convenienza economica e stabilità dei prezzi di conferimento.