20 giugno 2019
Aggiornato 18:00
Udine

Marciapiedi in via San Rocco: non ci sono gli espropri, stop al cantiere

Il vicesindaco Loris Michelini ha comunque assicurato che la parte relativa alla rotatoria sarà comunque portata a temine
Marciapiedi in via San Rocco: non ci sono gli espropri, stop al cantiere
Marciapiedi in via San Rocco: non ci sono gli espropri, stop al cantiere Diario di Udine

UDINE - Si deve il una parte del cantiere tra le vie Gibelli e San Rocco. Chi ha progettato l'opera, nel 2016, non si è accorto che i marciapiedi ciclo-pedonali sarebbero stati realizzati su un'area privata. E così l'attuale amministrazione, a lavori già iniziati, ha preferito fermare tutto per procedere con gli espropri. Il vicesindaco Loris Michelini ha comunque assicurato che la parte relativa alla rotatoria sarà comunque portata a temine. Per i marciapiedi, invece, si dovrà attende la conclusione dell'iter, quindi passeranno circa 4 mesi. 

«Quando la ditta a iniziato a lavorare - chiarisce Michelini - i nostri tecnici si sono accorti che quell’area non era mai stata ceduta al Comune. Per evitare problemi abbiamo fermato tutto, in attesa di formalizzare la procedura di esproprio. Ci vorrà qualche mese - assicura Michelini - poi gli operai potranno ripartire per completare il tutto».

Entro la fine del mese, invece, sarà pronta la nuova rotonda, pensata per alleggerire i flussi di traffico che ancora oggi provocano congestioni in quella zona della città. L'opera, del valore di 282 mila euro, prevede anche la sistemazione di un parcheggio alla fine di via San Rocco con la creazione di un'area verde.