18 luglio 2019
Aggiornato 09:30
Udine

Nasce l'associazione degli «Alumni» del liceo Copernico

Lo scopo è quello di fornire un supporto ai giovani che affrontano l’esame di maturità e che quindi devono scegliere il percorso da intraprendere per il futuro
Nasce l'associazione degli Alumni del Liceo Copernico
Nasce l'associazione degli Alumni del Liceo Copernico

UDINE - Nell’anno del compimento del suo 40esimo compleanno, il liceo Copernico di Udine può vantare la fondazione di una sua associazione degli 'Alumni'. «Ci abbiamo pensato per qualche anno, ma la scintilla è scoccata alla serata di gala dei 40 anni che si è svolta al teatro nuovo Giovanni da Udine qualche mese fa» racconta il Presidente dell’associazione, Gabriele Cipri. «Già qualche anno fa avevamo incontrato la dirigente scolastica della scuola per manifestarle questa intenzione, ma avevamo bisogno di trovare l’entusiasmo di alcuni ex che avessero voglia di mettersi in gioco e che si mettessero a disposizione di una buona causa».

Gli obbiettivi 

Lo scopo dell'associazione è quello di fornire un supporto ai giovani che affrontano l’esame di maturità e che quindi devono scegliere il percorso da intraprendere per il futuro. «Normalmente durante l’ultimo anno del liceo arrivano dei responsabili delle pubbliche relazioni delle maggiori università del Nord Est a raccontare quali sono le possibilità in termini di corsi e di facoltà. Ma, sfortunatamente, queste persone non sono sempre in grado di far comprendere ai ragazzi di quinta superiore quali saranno le strade possibili. E quindi ci siamo detti: perché non chiedere agli ex studenti del Copernico di fare degli interventi e di spiegare e presentare le peculiarità e la natura delle loro professioni, in un’ottica di supporto intra-generazionale?» prosegue Cipri. «Il nostro obiettivo è quello di cercare il più possibile la collaborazione degli ex Copernicani che, valorizzando la loro esperienza, vogliono mettersi a disposizione delle nuove generazioni, raccontando il loro percorso evidenziando i lati che spesso non sono così evidenti, con un linguaggio comprensibile e chiaro per le nuove generazioni».

Un supporto continuo 

L’obiettivo dell’associazione non si ferma qui: «Abbiamo anche pensato di istituire delle borse di studio affinché gli studenti più meritevoli ed i più bisognosi possano ricevere un aiuto ed un incoraggiamento. Sarebbe molto bello se potessero essere delle borse di studio in nome di alcuni ex professori che purtroppo non sono più tra noi: mi vengono in mente i professori Emanuela Tagliapietra, Giorgio Paviotti e Roberto Del Frate su tutti, ma sono solo tre dei tanti che potrebbero essere ricordati in questo modo.» L’associazione è stata fondata per essere più inclusiva possibile, prevedendo una presenza in direttivo anche di rappresentanti dei professori e del personale.

L'organizzazione

«Sono il motore della scuola, senza di loro il sentimento del Copernico non si sarebbe protratto per così tanti anni. Hanno trasmesso a tanti studenti l’essenza dello stare insieme e un sentimento di appartenenza ad una comunità. Per questo abbiamo considerato più che giusto inserire 4 posti - 2 per i docenti e 2 per il personale Ata - all’interno del direttivo, che rimane comunque a prevalenza di ex studenti. In particolare, abbiamo anche cercato un bilanciamento in termini di componente maschile e femminile, perché l’uguaglianza e la parità sono due elementi chiave dei valori che questa scuola ci ha insegnato». Nel direttivo di Alico, ci sono infatti 2 professori (Anna Chiarandini e Renato Picco), 2 membri del personale Ata (Rinella Dri e Claudio Cattarossi) e 5 studenti (Elena Freschi, Clarissa Zuiani, Pietro Antonini, Federico Chiopris e Gabriele Cipri). «La cosa più emozionante - prosegue Cipri - è stata la partecipazione e soprattutto la voglia di mettersi d’impegno. Tutte le persone del direttivo hanno risposto subito sì alla proposta, con l’entusiasmo di chi crede nei valori che abbiamo portato avanti fino qui nella nostra vita e che riflettono quello spirito copernicano tanto importante nella nostra scuola».«Stiamo già pensando a diversi eventi per coinvolgere gli ex alunni ed una presentazione ufficiale dell’associazione verrà fatta verso fine aprile. Per tenersi aggiornati però basta mettere like alla pagina su Facebook, che ci permetterà di recuperare anche i contatti più lontani in termini di tempo».