13 novembre 2019
Aggiornato 16:30
UDINE

La Gsa blinda il quinto posto sconfiggendo Forlì

Dopo due sconfitte amare, come quelle patite con Cagliari in casa e con Ferrara in trasferta, coach Martelossi riesce questa volta a trarre il meglio dai suoi
La Gsa blinda il quinto posto sconfiggendo Forlì
La Gsa blinda il quinto posto sconfiggendo Forlì Diario di Udine

UDINE - La Gsa Udine vince lo scontro diretto con l'Unieuro Forlì per 84 a 75. La vittoria al Carnera consente agli uomini del presidente Pedone di mantenersi al quinto posto in classifica e di portarsi a +4 sui romagnoli con i quali hanno anche ribaltato la differenza canestri, visto che all'andata Forlì vinse, in rimonta, per 88 a 82. Dopo due sconfitte amare, come quelle patite con Cagliari in casa e con Ferrara in trasferta, coach Martelossi riesce questa volta a trarre il meglio dai suoi, con una buona prestazione di squadra in cui spiccano le prove di un ritrovato Simpson (20 punti, conquistati tutti al tiro da tre punti ed ai liberi) e di Amici, all'esordio al Carnera (15 punti, 9 rimbalzi).

LA CRONACA DEL MATCH – Il primo quarto è di grande equilibrio, Forlì  mette in mostra l'ex Virtus Bologna Lawson, che segna i primi 5 punti degli ospiti, mentre Udine risponde con un Simpson, autore dei primi 8 punti dei padroni di casi, che sembra volersi scrollare di dosso le deludenti prestazioni degli ultimi match. Le due squadre procedono a braccetto fino alla prima pausa (25-25), anche quando Forlì miete diversi canestri da  sotto con  DiLiegro.

Nella seconda frazione di gioco, 7 punti di fila di un esplosivo Nikolic, due bombe di Amici ed un canestro da sotto di Pellegrino danno il +11 alla Gsa (42-31), ma la macchina friulana non approfitta dell'imbarcata degli ospiti e si lascia rimontare subendo il parziale di 11 a 2. Nel frangente, i bianconeri pagano la cattiva circolazione di palla (con due palle regalate agli ospiti) e le conseguenti cattive scelte di tiro. Si torna così in equilibrio con Udine che va solo sul +2 all'intervallo (44-42)

La ripresa si apre con azioni, su entrambi i fronti, non certamente degne di nota per i cultori del bel gioco: la Gsa dorme più di una volta in difesa, facendosi soffiare rimbalzi che dovevano essere propri, mentre dall'altra parte Forlì «spadella» al tiro che più non si può e non riesce ad approfittare dei regali udinesi. Morale della favola: Udine allunga di nuovo, prima con Powell e Simpson, poi con Amici, preciso in attacco e positivo anche in difesa (58-45). Forlì si appoggia alle mani fatate del lungo Lawson (5/8 da tre per lui), ma questa volta i romagnoli non riescono a recuperare il gap con i friulani che vanno all'ultima pausa sul +12 (66-54).

In apertura di  ultimo quarto la Gsa allunga ulteriormente con tre triple di Simpson, l'ultima delle quali costa anche il 5o fallo a Lawson (75-60). Forlì prova a tornare in partita con il tiro da tre punti e con le sportellate sotto canestro di DiLiegro, ma la precisione continua a latitare, anche se pure Udine litiga con il canestro tirando dalla lunga distanza. Gli ospiti arrivano fino a -7 (77-70) dopo alcune iniziative personali di Giacchetti, match-winner romagnolo all'andata, ma i friulani, diversamente che a Ferrara, tengono ben saldo il volante dell'auto e chiudono definitivamente la contesa con i canestri di un ritrovato Spanghero.
 

G.S.A. Udine - Unieuro Forlì 84-75 (25-25, 44-42, 66-54)
G.S.A. Udine: Trevis Simpson 20 (0/2, 6/9), Stefan Nikolic 15 (6/7, 0/1), Alessandro Amici 15 (1/5, 3/6), Marshawn Powell 12 (2/5, 1/6), Marco Spanghero 9 (2/4, 1/3), Chris Mortellaro 6 (2/4, 0/0), Lorenzo Penna 5 (0/0, 1/3), Francesco Pellegrino 2 (1/2, 0/0), Mauro Pinton 0 (0/0, 0/3), Luigi Cautiero n.e., Raphael Chiti n.e., Matteo maria Visentini n.e.. All. Martelossi.
Unieuro Forlì: Jacopo Giachetti 20 (6/9, 1/3), Kenny Lawson 17 (1/3, 5/8), Melvin Johnson 12 (0/5, 4/10), Dane Diliegro 11 (4/7, 0/0), Pierpaolo Marini 7 (1/6, 1/5), Daniel Donzelli 6 (1/5, 1/4), Davide Bonacini 2 (1/1, 0/1), Quirino De laurentiis 0 (0/0, 0/0), Giacomo Signorini n.e., Samuel Dilas n.e.. All. Nicola.