25 giugno 2019
Aggiornato 00:30
Udine

Dal 12 aprile al 5 maggio ritorna la 'Rassegna Biennale di Architettura'

Per questa nuova edizione molte sono le novità e tanti saranno anche gli appuntamenti con i professionisti del settore
Dal 12 aprile al 5 maggio ritorna la 'Rassegna Biennale di Architettura'
Dal 12 aprile al 5 maggio ritorna la 'Rassegna Biennale di Architettura'

UDINE - Torna, nell’ex chiesa di San Francesco, a Udine, la 'Rassegna Biennale di Architettura – Premio Marcello D’Olivo', una selezione di opere realizzate nel territorio regionale sui temi dell’edilizia pubblica, dell’abitazione, dell’arredo urbano e dell’architettura degli interni. La nona edizione dell’iniziativa, organizzata dall’Associazione 'Architetti del Friuli Venezia Giulia - Arte&Architettura' (in collaborazione con la federazione degli Ordini degli architetti pianificatori, paesaggisti e conservatori del Friuli Venezia Giulia, comune e Udine Musei e Gallerie del progetto, con lo sponsor, Derve decor store e Laminam), sarà inaugurata il 12 aprile (alle 17.30) e resterà aperta al pubblico fino al 5 maggio 2019 (da giovedì, a venerdì, dalle 15 alle 19. Sabato e domenica, dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 19).

La manifestazione

La presentazione si è tenuta mercoledì 10 aprile a palazzo Morpurgo alla presenza del presidente dell’associazione Arte&Architettura, Giovanni Vragnaz, del presidente dell’Ordine degli architetti di Udine, Paolo Bon, e dell’assessore comunale alla cultura del capoluogo friulano, Fabrizio Cigolot che ha ricordato come «Gli spazi nei quali viviamo, sia a livello intimo che pubblico, ricevono un’impronta unica dal nostro modo di essere individui e comunità e allo stesso tempo condizionano il nostro modo di vivere e di organizzare lo spazio e il tempo. L’uomo ha infatti da sempre un rapporto dialettico con l’ambiente che lo circonda ed è per questo che i luoghi diventano elementi fondamentali nella definizione della qualità della nostra vita. Per questo l’architettura, ovvero l’arte che in tutte le sue declinazioni si è incaricata di tradurre in bellezza, funzionalità e armonia la necessità primaria di abitare, merita un’attenzione particolare da parte della politica e delle istituzioni. Questo è il mio impegno come assessore alla cultura e il mio augurio a questa importante realtà è di continuare a crescere fino a diventare un punto di riferimento internazionale nel settore».

Il premio 

Come già avvenuto in passato, nell’ambito della Biennale, ci sarà l’assegnazione del 'Premio Marcello D’Olivo', giunto alla sesta edizione, che verrà attribuito da una giuria internazionale al progetto ritenuto più meritevole. A giudicare i lavori saranno gli architetti Jacques Lucan (Parigi), Odile Seyler (Parigi) Moira Morsut (Udine), Miha Desman (Lubiana), Marco Contini (Parma) e Sergio Pascolo (Venezia). «I dieci progetti menzionati e il vincitore dell'edizione 2019 – come ha ricordato il presidente di A&A, Giovanni Vragnaz - saranno esposti nella ex chiesa di San Francesco assieme ai quasi cento lavori realizzati negli ultimi anni in Fvg. La consegna ufficiale del premio è in programma, nella stessa location, il 3 maggio, alle 17.30».

Gli obbiettivi

Lo scopo della rassegna, accolta negli spazi dell’ex chiesa di San Francesco è duplice: da un lato gli organizzatori intendono segnalare i migliori progetti realizzati in Fvg, dall’altro promuovere una riflessione sull’arte del costruire insieme ai principali portatori di interesse (le scuole di architettura, i produttori, le amministrazioni pubbliche). Lo scorso anno sono pervenuti all’associazione Arte&Architettura ottantasei progetti a firma di sessanta studi professionali, con un coinvolgimento complessivo di più di 150 progettisti-architetti, alcuni dei quali di fama internazionale, che hanno realizzato opere in tutto il territorio regionale. Tutte le opere saranno esposte in una mostra itinerante che, accompagnata da un catalogo a diffusione nazionale, nel corso del 2019 e del 2020, toccherà i quattro capoluoghi della regione, mentre le dieci opere selezionate saranno ospitate in esposizioni alla galleria Dessa di Lubiana e Napoleon Stadel di Klagenfurt. Dal 12 aprile al 5 maggio sono anche previsti una serie di eventi e mostre collaterali organizzati dall’Ordine degli architetti pianificatori, paesaggisti e conservatori della provincia di Udine assieme all’associazione Arte&Architettura. Come ricordato da Paolo Bon, per la nona Biennale, «Alle Gallerie del Progetto (palazzo Morpurgo) inaugureranno anche altre due esposizioni curate dall’Ordine degli Architetti della provincia di Udine - 'TTT–Tradizione Traduzione Tradimento' (il 13 aprile) e 'Architettura Alpina Slovena 2008 -2018' (il 15 aprile)», mentre a «Maggio l’Associazione Arte&Architettura avrà il piacere di portare sempre a Palazzo Morpurgo una mostra con i disegni e le immagini inedite, di due importati opere che Marcello D'Olivo realizzò a Lignano», ha concluso Vragnaz.

Le novità

Tra le novità di questa edizione della Biennale, vi è la scelta dell’associazione Arte&Architettura di istituire un ulteriore riconoscimento per la ‘Conservazione dell’architettura moderna’. «Per i settant’anni e più di vita di un’opera – si legge nella motivazione dell’iniziativa -, che spesso è già largamente riconosciuta come capolavoro dalla comunità degli ‘addetti ai lavori’ e degli storici, l’unico argine a manomissioni, trasformazioni più o meno distruttive è costituito dalla sensibilità culturale e dalla consapevolezza dei proprietari. Il premio si rivolge quindi a proprietari di edifici ancora privi di tutela ufficiale, in cui la cura dell’architettura è semplice ‘fatto privato’, scelta dipendente dalla sensibilità e dalla consapevolezza culturale di ‘singoli’, che non operano sottostando a obblighi stabiliti da istituzioni preposte alla conservazione del patrimonio».

Il programma

Oltre alla già citata Biennale, Dal 13 aprile al 5 maggio a Palazzo Morpurgo si terrà 'TTT–Tradizione Traduzione Tradimento' Giovedì e venerdì dalle 15 alle 19. Mentre sabato e domenica dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 19. La conferenza inaugurale è in programma il 13 aprile alle 17.30. Interverranno gli architetti Giovanni Corbellini, Davide Tommaso Ferrando, Federico Mentil, Marco Ragonese, Pietro Valle. Modera Tommaso Michieli. Il 14 aprile alle 18 nella chiesa di San Francesco vi sarà 'Visioni di Città–The Architecture Public Sessions', una Maratona di video dedicata al tema della città contemporanea, accompagnata da Marco Brizzi, Assieme a una tavola rotonda con Marco Brizzi (direttore di The Architecture Player), Piero Zucchi (Architetto) Stefano Graziani (Fotografo) e Thomas Marcuzzi (Regista). Dal 15 aprile al 5 maggio a Palazzo Morpurgo si terrà la mostra 'Architettura Alpina Slovena 2008 - 2018', da Gioved a venerdì dalle 15 alle 19. Mentre sabato e domenica dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 19. La conferenza inaugurale è in programma il 15 aprile alle 17.30. Saranno presenti Ivo Buzzi (Architetto), Maja Ivanic, Špela Nardoni Kovač (Curatrici della mostra) e Giovanni Vragnaz (Presidente dell’Associazione Arte&Architettura). Il 16 aprile alle 17.30 alla chiesa di San Francesco si terrà l'assemblea annuale degli iscritti dell’Ordine degli architetti Ppc di Udine. Il 26 aprile alle 17.30 presso la chiesa di San Francesco si parlerà di 'Mobilità urbana e rigenerazione dello spazio pubblico: criteri e buone pratiche'. Saranno presenti Loris Michelin (assessore alla mobilità, lavori pubblici e edilizia scolastica), Matteo Dondé (Architetto) e Jurij Kobe (Architetto), modera Marilena Motta (Architetto). Il 28 aprile alle nella chiesa di San Francesco si terrà 'Racconti di architetture - Proiezione del film Moriyama-San'. Maratona di Video dedicata al tema dell’architettura contemporanea, a seguire una tavola rotonda con Ivan Gergolet (Regista) e Pietro Valle (Architetto) in conversazione con Marco Brizzi. Il 2 maggio alle 17.30 presso la chiesa di San Francesco si terrà un incontro dal titolo 'Genesi del monumento alla resistenza. Nelle parole di Gino Valle architetto in Udine'. Interverrà Enrico Folisi che intervistò l'architetto Valle nell'estate del 1989 e che ha curato la pubblicazione di Gaspari Editore. Infine Il 3 maggio alle 17.30 alla chiesa di San Francesco la proclamazione e la premiazione del sesto premio Marcello D’Olivo.