15 ottobre 2019
Aggiornato 04:00
Udine

Greta Thunberg arriva in Italia: con lei ci sarà anche il friulano Aran Cosentino

Il 16enne è stato invitato a palazzo Madama giovedì e il giorno successivo sarà a manifestare in piazza del Popolo
Greta Thunberg arriva in Italia: con lei ci sarà anche il friulano Aran Cosentino
Greta Thunberg arriva in Italia: con lei ci sarà anche il friulano Aran Cosentino

UDINE - Greta Thunberg, l’attivista svedese diventata simbolo della lotta ai cambiamenti climatici, arriva oggi in Italia. Incontrerà Papa Francesco, sarà ricevuta dalla presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati e manifesterà in piazza del Popolo insieme ai giovani di Fridays for Future. Nella Capitale ci sarà anche uno degli attivisti friulani, il sedicenne Aran Cosentino, che insieme a Marianna Tonelli ha dato vita a Fridays for Future Udine.

Cosentino è stato invitato al seminario in programma giovedì a palazzo Madama dal titolo 'Clima: il tempo cambia, è tempo di cambiare', mentre il giorno successivo sarà in piazza del Popolo. «Sono molto felice ed emozionato, non capita tutti i giorni di intervenire in Senato - ammette il giovane originario delle Valli del Natisone -. Sono contento anche di poter conoscere di persona Greta, dopo averci parlato diverse volte sui social network». Cosentino ha già in mente cosa dire all’attivista svedese: «Per prima cosa mi congratulerò con lei per i tanti riconoscimenti ottenuti e per l’impegno messo in campo fino a oggi. Poi mi piacerebbe avere il tempo di parlare con lei dei futuri progetti da portare avanti come Fridays for Future Italia».

Giovane e determinato, Aran ha cominciato a impegnarsi per l’ambiente a 12 anni, raccogliendo delle firme nella sua scuola media per introdurre la raccolta differenziata. «Da quando abbiamo iniziato, lo scorso 8 febbraio, non mi sono mai perso un venerdì in piazza - racconta - e anche la scorsa settimana, che ero in gita con la scuola a Firenze, ho voluto partecipare all’evento organizzato dal locale Fridays for Future. C’è ancora molto da fare, ma qualcosa si sta muovendo, come ha dimostrato la partecipazione al corteo lungo le strade di Udine. Ciò che mi auguro - conclude - è quello che facciamo serva per aumentare la consapevolezza tra la gente e tra le istituzioni sulla necessità di intervenire a favore dell’ambiente».