18 novembre 2019
Aggiornato 10:30
I corte del Primo Maggio

Primo maggio nel segno dell'Europa «sociale» e dell'ambiente

Mercoledì i cortei a Trieste, Gradisca, Pordenone e Cervignano. A Buja i sindacati dell’Alto Friuli
Primo maggio nel segno dell'Europa 'sociale' e dell'ambiente
Primo maggio nel segno dell'Europa 'sociale' e dell'ambiente Comune di Udine

UDINE . 'Lavoro, diritti, stato sociale: la nostra Europa'. Questo lo slogan che Cgil, Cisl e Uil hanno scelto per le manifestazioni del Primo Maggio, con un esplicito riferimento al voto del 26 maggio per il rinnovo del Parlamento europeo. Un appuntamento cui il sindacato guarda rilanciando la richiesta di un’Europa 'sociale' e non soltanto dei mercati, ma anche ribadendo con forza i valori dell’Europa unita di fronte all’avanzata dei nuovi nazionalismi e dei populismi. Questo il messaggio che salirà forte anche dalle piazze di Trieste, Gradisca d’Isonzo, Pordenone e Cervignano, sedi tradizionali dei cortei in Friuli Venezia Giulia, che avranno come corollario anche le celebrazioni di Buja per i sindacati dell’Alto Friuli, Muggia e Aurisina in provincia di Trieste.

L'incontro sul confine 

Particolare importanza, visto il tema centrale delle manifestazioni, assumerà la consueta anteprima transfrontaliera della Festa del lavoro, con l’incontro sul confine tra i sindacati del Friuli Venezia e quelli della Slovenia (Zsss e Ks 90). L’appuntamento, quest’anno, è alle 15 di lunedì 29 aprile alla stazione di Divaca, in Slovenia, l’importante snodo ferroviario che collega i porti di Trieste e di Capodistria, impegnati in grandi processi di sviluppo dei traffici, che rappresentano una delle principali opportunità di sviluppo economico e occupazionale per l’area giuliana e per l’intera regione. L’incontro, che potrà essere seguito con servizio di traduzione simultanea, proseguirà nel municipio di Divaca, con una tavola rotonda che verterà proprio sul tema dei traffici marittimi e sulle prospettive di collaborazione tra i due porti. Nell’occasione verrà anche firmato un un documento congiunto in vista delle elezioni europee.

I cortei del primo maggio

Il programma delle manifestazioni, come detto, seguirà il copione tradizionale, con concentramento tra le 9.30 e le 10 e comizi conclusivi previsti tra le 11 e le 12. Tra le novità da segnalare l’intervento, sul palco di Cervignano, degli studenti del coordinamento Fridays for future, protagonista delle recenti manifestazioni sull’ambiente. Sul palco di Cervignano parlerà anche don Pierluigi di Piazza, presidente del centro Ernesto Balducci di Zugliano, con un messaggio sui temi dell’immigrazione e dell’accoglienza. Gli interventi conclusivi saranno affidati al segretario confederale della Cisl Ignazio Ganga a Trieste, al numero uno della Uil scuola Pino Turi a Gradisca, al segretario generale della Uiltec Paolo Pirani a Cervignano, al segretario provinciale della Cgil Flavio Vallan a Pordenone, dove il corteo sarà preceduto dal consueto omaggio ai morti sul lavoro, a ribadire una volta di più la centralità dei temi della sicurezza, soprattutto in una regione dove si registra uno dei tassi di crescita degli infortuni (+4% nel 2018) più alti a livello nazionale.