25 ottobre 2020
Aggiornato 18:00
Udine

Cafc: illustrato al comune il piano investimenti 2019

Importanti interventi per quanto riguarda il settore fognario e depurativo

UDINE - Si è tenuto il 22 maggio a palazzo D’Aronco un incontro nel quale il presidente di Cafc Salvatore Benigno ha illustrato al sindaco di Udine Pietro Fontanini, al vicesindaco e assessore ai lavori pubblici Loris Michelini e all’assessore al bilancio Francesca Laudicina la destinazione degli oltre dieci milioni di euro che l’azienda ha deciso di investire nel comune di Udine.

Gli interventi

Di questi, 1.176mila saranno destinati al settore idrico, 6.700,mila a quello fognario e 2.600mila a quello depurativo. Nel dettaglio, nei prossimi mesi inizieranno i lavori di sostituzione e potenziamento del tratto di rete idrica e di distribuzione di via Lumignacco e di adeguamento della rete fognaria e idrica di via Aosta e via Monte Tricorno. Seguiranno interventi alla rete idrica di via Torino e di un tratto della rete di distribuzione di via Pozzuolo, l’estensione della rete idrica e la realizzazione del tronco fognario in via Muzzana, la riparazione della fognatura di via della Polveriera, la definizione del progetto definitivo esecutivo della fognatura di via Mercatovecchio e lo studio di fattibilità per la confluenza delle acque reflue del campeggio turistico del parco del Cormor, fino alla realizzazione di un sistema di filtrazione finale e comparto di disinfezione presso l’impianto di depurazione di Udine. Circa 1.500mila euro saranno investiti nei lavori relativi al depuratore di Udine, sulla linea fanghi (digestore), che inizieranno entro il 2020. Tale intervento determinerà un ulteriore miglioramento della già eccellente qualità dell’acqua. Entro l’autunno inoltre partirà l’intervento di ricalibrazione degli sfioratori di via Buttrio, che determinerà un alleggerimento delle portate provenienti da via Orsaria e, prima delle piogge autunnali, sarà concluso il progetto di intervento su via Baldasseria, con l’obiettivo di porre fine ai frequenti allagamenti che si verificano negli scantinati della zona.

Rispondere alle esigenze dei cittadini

Nel 2020, infine, avranno inizio i lavori di realizzazione del collettore che andrà da viale Palmanova al Canale di Sant’Osvaldo, precisamente nel tratto che va da via Artuico da Cussignacco al Cormor e in quello che va da viale Palmanova a via Artuico da Cussignacco. «Per Cafc - ha sottolineato il presidente Salvatore Benigno - è importante dare risposte puntuali alle esigenze dei cittadini, come nel caso dell’intervento su via Baldasseria, che da anni richiede interventi mirati per porre fine a una situazione che è diventata urgente per gli abitanti del quartiere anche a causa del cambiamento climatico e delle fortissime ed eccezionali precipitazioni che si abbattono sulla nostra Regione, andando a riversare sul terreno in pochi minuti la quantità d’acqua che normalmente il terreno dovrebbe drenare in un mese».