21 giugno 2019
Aggiornato 00:00
Organizzato dallo Csen Fvg alla sede dell'Asu

Sport e disabilità: a Udine il primo corso per istruttori specializzati

Clinori: «Al momento non esiste una formazione specifica per i tecnici sportivi che operano con la disabilità sia fisica che intellettiva. Csen che è il primo ente di promozione sportiva del Coni in Italia, lo propone ai tecnici e operatori del settore»
Sport e disabilità: a Udine il primo corso per istruttori specializzati
Sport e disabilità: a Udine il primo corso per istruttori specializzati

UDINE - «Si tratta di uno dei pochi corsi di questo tipo in Italia», ha spiegato Giuliano Clinori, vicepresidente Csen nazionale e presidente della delegazione Fvg. Clinori si riferisce al corso formativo per istruttori e operatori del settore che operano con atleti disabili. A organizzarlo proprio il Centro sportivo educativo Nazionale del Friuli Venezia Giulia. Una importante novità, dunque, tanto che «stiamo ricevendo richieste anche da Roma. Al momento, infatti, - ha proseguito Clinori - non esiste una formazione specifica per i tecnici sportivi che operano con la disabilità fisica e intellettiva. Csen è il primo ente di promozione sportiva del Coni in Italia che lo propone» e ha deciso di farlo partendo proprio dal capoluogo friulano.

PROGRAMMA - Sarà una giornata di intensivo quella in programma nella sede dell'Asu - Associazione Sportiva Udinese - (via Lodi 1, Udine), il prossimo 22 giugno dalle 9. In mattinata le lezioni saranno tenute dalla dottoressa Emiliana Bizzarini, unica friulana convocata alle recenti Olimpiadi invernali in Corea per il Cip (comitato italiano paralimpico), che farà dei «Cenni sulla disabilità fisica», spiegando qual è la «risposta all'esercizio fisico». Parlerà poi di classificazioni funzionali e della la normativa medico sportiva.
Nel pomeriggio toccherà alla dottoressa Chiara Candelotto, tecnica sportiva laureata in scienze della formazione e specializzata in disabilità anche gravi. A lei spetterà raccontare la differenza fra l'"Essere allenatore» di normodotati e di persone con disabilità.
Candelotto chiarirà anche cosa significa «Integrare e includere nello sport», ma pure come «Abilitare piuttosto che riabilitare». A chiudere parlerà della «Diverse tipologie di allenamento per diverse tipologie di ragazzi o bambini». A terminare la giornata ci sarà la parte pratica. «Attraverso lo sport - ha concluso Clinori - si può avere un recupero fisico notevole, ma anche una migliore autonomia nell'inserimento in ambito sociale. Lo sport crea condivisione, abbatte le barriere psicologiche, perciò, corsi come questo, sono molto importanti e speriamo sarà solo il primo di una lunga serie».

INFO - csenfriuli@tiscali.it | 348.5296037. Il corso è rivolto solo ai tecnici già qualificati e agli operatori del settore. Al termine è previsto il rilascio di un attestato di frequenza con specializzazione atleti con disabilità, e a richiesta agli istruttori tesserino tecnico nazionale dell'Csen con specializzazione disabilità.