15 ottobre 2019
Aggiornato 04:00
Udine

Condannato a 6 anni e 6 mesi il pusher di Alice Bros

La ragazzina, 16 anni, morì a causa di un'overdose da eroina gialla
Condannato a 6 anni e 6 mesi il pusher di Alice Bros
Condannato a 6 anni e 6 mesi il pusher di Alice Bros Facebook

UDINE - E' stato condannato a 6 anni e 6 mesi di reclusione Jamil Shaliwal, il giovane afgano di 25 anni, accusato di aver ceduto la dose letale che lo scorso ottobre provocò la morte di Alice Bros, giovane studentessa friulana nei bagni della stazione ferroviaria di Udine. La ragazzina, 16 anni, morì a causa di un'overdose da eroina gialla. Lo ha deciso il Tribunale di Udine dopo quasi due ore di camera di consiglio.

La morte di Alice

Lo straniero doveva rispondere della morte di Alice come conseguenza non voluta dopo cessione di 0,7 grammi di eroina dal forte principio attivo. Era accusato anche di altre cessioni tra settembre e ottobre. Al termine del processo (a giudizio immediato), il pm Andrea Gondolo aveva chiesto una condanna a 6 anni.

Le ultime 48 ore della vittima

In requisitoria, il pm ha ricostruito le ultime 48 ore della vittima: messaggi all'amico e un video delle telecamere di videosorveglianza. Nel chiedere l'assoluzione per il suo assistito, l'avvocato Giovanni De Nardo ha sottolineato, tra le altre cose, l'interruzione del nesso causale.