16 ottobre 2019
Aggiornato 19:30
Tramonti di Sopra

Torna la Festa della Pitina: appuntamento dal 19 al 21 luglio

In programma esperienze di gusto, esplorazioni della gastronomia locale, ambiente, territorio e momenti dedicati ai bimbi
Torna la Festa della Pitina: appuntamento dal 19 al 21 luglio
Torna la Festa della Pitina: appuntamento dal 19 al 21 luglio Ufficio Stampa

TRAMONTI DI SOPRA - Torna la festa in onore della pitina, originaria della Val Tramontina, diventata il primo presidio Slow Food friulano agli inizi degli anni 2000 e prodotto Igp nel 2018, un perfetto incontro di gusti antichi e decisi tra la carne (ovina, caprina o originariamente di camoscio e capriolo), le spezie, la farina di polenta e il giusto grado di affumicatura.

Nel municipio di Pordenone è stata presentata l’edizione 209 che si terrà da venerdì 19 a domenica 21 luglio a Tramonti di Sopra, dove a essere protagonista sarà un grande mercato delle eccellenze enogastronomiche a partire dalla pitina Igp e dagli altri presìdi Slowfood regionali e nazionali, oltre agli oltre 50 produttori presenti che arrivano dal resto dell’Italia e anche da molto più lontano come Armenia, Indonesia, Slovenia, Slovacchia, Polonia, Croazia, Austria.

L’evento è organizzato dalla Condotta del Pordenonese di Slow Food in collaborazione con Promoturismo, Concentro, Cciaa di Pordenone, Proloco e Comune di Tramonti di Sopra e con il Patrocinio del Comune di Pordenone e della Fondazione Dolomiti Unesco. «Un programma davvero ricco quest’anno per la nostra festa - commenta Roberto Peduto del presidio Slow Food - che comprenderà escursioni guidate, degustazioni, il Mercato della Terra, la cucina della Festa e anche una serie di incontri dedicati al turismo e alla cultura del territorio. Non solo: la Festa della Pitina quest’anno sarà plastic free, non ci sarà plastica, anche le bottigliette d’acqua saranno biodegradabili».

La Festa della pitina, rilanciata nel 2017 da Slow Food, era nata nel 1970 su idea della Pro Loco locale che voleva salvaguardare il prodotto tipico e local: oggi è diventata un importante volano turistico per far conoscere il territorio e la Val Tramontina, solcata dal Meduna e caratterizzata da bellissimi paesaggi e sentieri e dal lago di Redona da cui affiorano i suggestivi ruderi di una antico borgo. Il Mercato della Terra dei produttori sarà allestito nelle vie centrali di Tramonti di Sopra: molti i presìdi Slow Food Fvg presenti come le antiche mele dell’alto Friuli, il fagiolo di San Quirino, il radic di Mont e l’aglio di Resia, e molti altri produttori italiani ed esteri per un totale di oltre 50 espositori. Dalla cucina della festa, il menù sarà quello della tradizione friulana con ovviamente tante incursioni della pitina dai blecs al frico, compreso il pitina-burger il gelato alla pitina. Domenica sera la Festa della Pitina si chiude con la speciale cena ‘Disco Soup - Food For Change’ contro lo spreco alimentare. Food for change è la campagna internazionale di Slow Food per la sensibilizzazione sul rapporto tra cibo e clima: l’obiettivo è far crescere consapevolezza sulle cause del cambiamento climatico e mostrare come ogni azione può fare la differenza.

La festa è un momento per approfondire i temi del turismo ‘slow’ e del turismo sociale. Al primo, ovvero a quel turismo di chi sceglie destinazioni di nicchia, fuori dai grandi itinerari turistici che uniscono bellezza, esperienze inedite e autentiche è qualità delle proposte agroalimentari, è dedicato il convegno di apertura della festa, venerdì 19 luglio alle ore 18 ‘Il nostro territorio e le sue eccellenze: opportunità attuali e future’ con Sergio Emilio Bini, assessore regionale alle attività produttive e Turismo, Giacomo Urban, Sindaco di Tramonti di Sopra, Guglielmina Cucci, assessore al Turismo Comune di Pordenone, Giampaolo Bidoli, presidente Ecomuseo delle dolomiti Friulane, Diana Candusso - Promoturismo e Silvio Barbero, vicepresidente università del Gusto di Pollenzo. Sabato 20 luglio alle 11 si parlerà di Turismo Sociale che si fonda sui principi della sostenibilità ambientale ed economica, privilegia i servizi alla persona e promuove il rispetto delle diversità culturali dei paesi di accoglienza e dell’ambiente.

Appuntamento con la tavola rotonda ‘Il Turismo Sociale in Regione Fvg: situazioni, esperienze e opportunità’ per fare il punto sulle potenzialità e le azioni del Turismo Sociale, in particolare riferimento con i territori montani e pedemontani con Roberto Orlich, Direttore Servizio Sociosanitario Azienda per l’Assistenza Sanitaria n. 5 PN, Luigi Piccoli, Presidente Confcooperative Pn, Alessandro Menegatti, Presidente della Cooperativa dei Marinati del Comacchio (Work & Service), produttori di presidio Slow Food, Andrea Caboni referente progetto ‘Anche a noi Piace Viaggiare’ realizzato dalla coop farfalle nella testa in collaborazione con il piccolo principe Soc Coop ONLUS a Resia, Serena Mizzan, Presidente di Federcultura Fvg e presidente di Laboratorio dell’Immaginario Scientifico (Lis), Alberto Grizzo, Rappresentante del forum Nazionale agricoltura Sociale, Presidente del Consorzio delle valli e dolomiti Friulane.

Alla regina delle festa sarà dedicato l’evento di domenica pomeriggio alle 16 ‘L’officina della Pitina’: come è nata, come si prepara, come viene affumicata, con una dimostrazione in diretta a cura di Manuel Gambon della Tana delle Pitine. La pitina nasce nel 1800 nella zona di Frassaneit, una delle borgate del comune di Tramonti di Sotto, dall’esigenza di non sprecare nulla e di conservare la carne di camoscio e capriolo: tagliata a coltello, la carne veniva impastata con sale, pepe nero, aglio e erbe, lavorata a forma di polpetta, ricoperta di farina di polenta per chiudere i pori e messa sul caminetto ad affumicare in modo da preservarla più a lungo possibile. Oggi
 la pitina si mangia cruda tagliata a fette sottili dopo almeno 30 giorni di stagionatura, ma è ottima anche cucinata: può essere scottata nell’aceto e servita con la polenta, rosolata nel burro e cipolla e aggiunta nel minestrone di patate, o ancora fatta al cao, cioè cotta nel latte di vacca appena munto.