15 ottobre 2019
Aggiornato 04:00
Fvg primo in Italia

Ok all'emendamento Bibbiano: saranno videoregistrati i colloqui con i minori

L'Aula ha assegnato 200 mila euro per l'avvio di un progetto pilota. La soddisfazione di Fedriga, lo scetticismo di Bolzonello
Ok all'emendamento Bibbiano: saranno videoregistrati i colloqui con i minori
Ok all'emendamento Bibbiano: saranno videoregistrati i colloqui con i minori Regione Friuli Venezia Giulia

UDINE - «Il Friuli Venezia Giulia è la prima Regione in Italia a intervenire con un provvedimento di prevenzione rispetto a un tema delicato come quello connesso ai fatti di Bibbiano. Ne sono orgoglioso e spero che altre Regioni possano seguire il nostro esempio». Con queste parole il governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, ha commentato il contenuto di un emendamento approvato a maggioranza dal Consiglio regionale e ribattezzato dallo stesso Fedriga come 'emendamento Bibbiano'.

Progetto pilota unico in Italia

Il provvedimento assegna 200 mila euro alla realizzazione di un progetto pilota per la videoregistrazione dei colloqui o delle audizioni di minori nell'ambito dei procedimenti giudiziali, stragiudiziali e amministrativi. Come ha spiegato il governatore «i colloqui fatti a minori saranno videoregistrati e saranno inviati agli inquirenti che avranno così a disposizione non solo un verbale scritto, ma anche quanto realmente avvenuto durante il colloquio. Se questo progetto diventerà consistente e sarà diffuso, casi come questi, che hanno distrutto bambini e famiglie, non potranno più verificarsi». Fedriga ha però espresso rammarico per il voto di astensione del gruppo consiliare del Partito Democratico. «Con l'astensione il Pd esprime una responsabilità enorme su questi temi rispetto ai quali sarebbe stato il caso di far vedere l'unità di tutte le forze politiche. Mi dispiace che questa unità sia mancata e ciò costituisce un fatto politicamente gravissimo».

Scettico il Partito Democratico

«Il progetto pilota della Giunta per consentire la videoregistrazione dei colloqui dei minori nell'ambito dei procedimenti giudiziali, poteva avere anche aspetti positivi tali da valutare un voto favorevole. Purtroppo come sempre le proposte si fanno spesso per strumentalizzazione politica e con riferimenti forzati a fatti di cronaca. Delusione e arrabbiatura del presidente sono fuori luogo e sfociano nel ridicolo, perché proprio lui ha contribuito con le sue parole, i suoi tweet (alle 17.37 mentre si discuteva in Aula) e con emendamenti dell'ultima ora a impedirci qualsiasi confronto con noi ma anche con professionisti e famiglie». Lo ha detto il capogruppo del Pd, Sergio Bolzonello, che aggiunge: «Poteva essere un'occasione per parlare con gli operatori del settore, sia giudiziario che sociale, un'occasione per chiedere cosa serve concretamente per tutelare di più e meglio bambini e famiglie. Purtroppo si è preferito farne una bandiera della Lega, piazzando un subemendamento a sorpresa, senza alcun confronto».