21 settembre 2019
Aggiornato 01:00
Traffico

Bollino nero per sabato 27 luglio sulla rete di Autovie

Possibili rallentamenti fin dal mattino con rallentamenti e code sulla A23 in direzione nodo di Palmanova
Bollino nero per sabato 27 luglio sulla rete di Autovie
Bollino nero per sabato 27 luglio sulla rete di Autovie

UDINE - E’ il primo bollino nero di una serie, quello di sabato 27 luglio, che contraddistingue l’esodo dei vacanzieri atteso per questo fine settimana. Un flusso molto molto intenso di veicoli, infatti, transiterà sulla rete di Autovie. Le prime avvisaglie si sono registrate già giovedì ma è nel tardo pomeriggio di venerdì che i flussi sono diventati ancora più sostenuti soprattutto sulla A4 in direzione Trieste. Osservato 'speciale', infatti, sarà il casello del Lisert da dove transitano i turisti diretti verso la costa slovena e croata. Sicuramente sotto pressione il tratto San Donà di Piave – Nodo di Palmanova sempre in direzione Trieste e traffico intenso sulla A57 Tangenziale di Mestre in entrambe le direzioni. 

Traffico intenso fin dal mattino

Sabato 27 luglio la giornata da bollino nero e lo si vedrà fin dalle prime ore del mattino, con rallentamenti e code sulla A23 in direzione nodo di Palmanova. Probabili congestioni in più punti della A4 da Venezia a Trieste e altrettanto probabili cose ai caselli in direzione delle località balneari. I mezzi pesanti superiori alle 7 tonnellate e mezzo, nella giornata di sabato, dovranno rispettare il divieto di transito dalle 8 del mattino alle 22. Bollino rosso – ovvero traffico molto intenso – per domenica 28 luglio sia in A4 sia in A57 in entrambe le direzioni di marcia. Lo stop alla circolazione dei mezzi pesanti sarà in vigore dalle sette del mattino alle 22. Il meteo non pare sarà amico dei vacanzieri durante questo week end, con piogge quasi certe nella giornata di sabato e temporali, anche forti, domenica. 

Esodo estivo: il piano operativo della Concessionaria

Più di 230 persone al lavoro sulle 24 ore fra tecnici degli impianti, operatori di sala radio, manutentori, esattori e ausiliari al traffico dotati di 25 automezzi di cui 14 furgoni; 4 pick-up attrezzati con «forche» per sollevare veicoli; 2 scooter; 1 pick-up; 2 veicoli di servizio; 2 autocarri frigo. E’ la squadra che mette in campo Autovie Venete per fronteggiare il traffico estivo, a cui si aggiungono ulteriori misure: soccorsi meccanici potenziati, soccorsi sanitari posizionati in punti strategici, reindirizzamento del traffico dalla A4 alla A34 Villesse Gorizia in caso di code, stretto collegamento con le centrali operative d’oltreconfine per gestire in collaborazione i flussi di veicoli in entrata e in uscita soprattutto fra Croazia e Slovenia, la maggior parte dei quali passano dalla barriera di Trieste Lisert. Una barriera dove, in una giornata normale si registrano circa 15mila transiti in uscita che diventano 30 mila quando il bollino del traffico vira sul nero. Lo stesso livello di pressione si verifica al casello di Latisana: 5mila uscite di norma; 20 mila durante un sabato estivo, ovvero 4 volte tanto.

L’operatività

Per affrontare i fine settimana estivi, giornate dove - in media – i transiti passano da 118 mila a 180 mila di una giornata la Concessionaria, oltre a rafforzare il personale potenzia anche i soccorsi meccanici dislocati nelle vicinanze dell’autostrada e all’interno della rete nei punti strategici: questo permette, in caso di incidente, di intervenire in tempi rapidissimi, liberando le corsie e riducendo le congestioni.  I punti nevralgici per il traffico estivo sono, come sempre, i caselli di Trieste Lisert e quelli che portano alle località balneari del Fvg e del Veneto, ovvero San Donà di Piave, Portogruaro e Latisana. In caso di code molto lunghe, fra le misure adottate quando l’incolonnamento supera 6 chilometri, l’attivazione del 'by pass', ovvero la deviazione obbligatoria del traffico utilizzando la A34 (l’ex raccordo Villesse-Gorizia) per chi è diretto in Slovenia. In questo caso entra in campo anche una safety car della Polizia stradale per «guidare» i mezzi fino al confine, dove vengono presi in consegna e indirizzati verso la Croazia o l’Ungheria. Il tutto in coordinamento con le centrali operative dei Paesi coinvolti.

La sinergia con la Polizia Stradale

Una collaborazione collaudata che, in estate e con i cantieri aperti, diventa ancora più strategica. Per incrementare la vigilanza sui tratti più critici e in prossimità dei cantieri, sono stati rimodulati gli schemi operativi, con una redistribuzione dei servizi di pattugliamento. Più personale al comando di Palmanova da dove i tratti di cantiere sono raggiungibili rapidamente, e aumento delle dotazioni tecnologiche per le pattuglie in servizio. Più atovelox in funzione e una costante presenza di personale in borghese nelle aree di servizio per la prevenzione dei fenomeni delittuosi e la repressione dei reati.
Informarsi prima di partire è sempre una buona regola: se la viabilità è congestionata, infatti, è meglio modificare il programma di viaggio, partendo più tardi o scegliendo un diverso itinerario.Molteplici sono gli strumenti a disposizione dell’utenza per informarsi prima di mettersi in viaggio, a cominciare dal sito InfoViaggiando disponibile anche in versione app, (con mappa interattiva, webcam, notiziario vocale, aggiornato ogni ora o, in caso di criticità, con maggiore frequenza) A ciò si aggiunge l’account Twitter @InfoViaggiando  e il numero verde 800.99.60.99.