20 ottobre 2019
Aggiornato 14:30
Economia FVG

Imprese: definite le agevolazioni Irap per rilanciare l'occupazione

La decisione della giunta regionale su proposta dell'assessore Zilli: «Vogliamo rilanciare economia e occupazione»
Barbara Zilli
Barbara Zilli Regione Friuli Venezia Giulia

UDINE - La Giunta regionale ha approvato, su proposta dell'assessore alle Finanze, Barbara Zilli, il regolamento concernente i criteri e le modalità per l'applicazione delle deduzioni dall'imponibile dell'Imposta regionale sulle attività produttive. Nello specifico, la misura, operante in regime de minimis si rivolge alle società di persone e di capitali nonché agli enti pubblici e privati che danno lavoro a persone rimaste prive di occupazione nei 48 mesi precedenti la data di assunzione a causa di licenziamenti collettivi o per giustificato motivo oggettivo.

La deduzione incide sul periodo d'imposta in cui è avvenuta l'assunzione e per i successivi due, e si articola in ragione dell'età del soggetto assunto, riconoscendo 20mila euro su base annua per ogni unità lavorativa dipendente di età non superiore ai 24 anni, 30mila per il personale tra i 25 e i 45 anni e 40mila per gli over 45. Tali sgravi non costituiscono misure alternative, ma sono cumulabili nel caso in cui si assumano lavoratori appartenenti a fasce d'età diverse. Per accedere all'agevolazione è necessario che, al termine del periodo d'imposta in cui è avvenuta l'assunzione, il numero complessivo di lavoratori a tempo indeterminato presso il soggetto Irap interessato risulti superiore a quello dell'anno fiscale precedente; per beneficiarne anche nei due anni successivi, è invece richiesto il mantenimento dei livelli occupazionali, sia a tempo indeterminato che determinato, e che il rapporto con il dipendente che ha garantito l'accesso alla misura non sia cessato.

«La norma - sottolinea Zilli - rappresenta una tappa importante nel percorso intrapreso dall'Amministrazione regionale per rilanciare l'economia e l'occupazione, dando respiro al mercato del lavoro e offrendo stabilità alle aziende che investono». Di particolare interesse infine, secondo l'assessore Fvg, la decisione di commisurare gli importi su base anagrafica. «Un ulteriore sforzo compiuto dalla Giunta regionale per venire incontro in particolare a chi, per ragioni di età, fatica a trovare opportunità di reinserimento».