29 marzo 2020
Aggiornato 23:30
Trasporti

Trasporto studenti: al via le agevolazioni per chi frequenta le scuole del Veneto

Come annuncia l'Assessore Graziano Pizzimenti, si potrà presentare la domanda fino al 31 ottobre sul sito della Regione
Trasporto studenti: al via le agevolazioni per chi frequenta le scuole del Veneto
Trasporto studenti: al via le agevolazioni per chi frequenta le scuole del Veneto Comune di Udine

UDINE - «Via alla fase operativa dell'agevolazione sperimentale a favore degli studenti e delle loro famiglie per l'acquisto di abbonamenti scolastici». Lo annuncia l'assessore al Territorio del Friuli Venezia Giulia, Graziano Pizzimenti, evidenziando che, fino alle ore 12 del prossimo 31 ottobre, attraverso il sito della Regione, è possibile compilare e presentare on line la domanda di rimborso del 50% del costo sostenuto per l'acquisto di un abbonamento annuale o correlato alla durata dell'anno scolastico, rivolta agli studenti residenti in Fvg che utilizzano, nel percorso casa-scuola, i servizi automobilistici extraurbani di trasporto pubblico locale realizzati dai vettori Mom, Atvo e Dolomiti Bus per l'accesso agli istituti scolastici siti presso i comuni del Veneto di più prossima e diretta relazione.

Le parole dell'Assessore Pizzimenti

«Dopo il grande successo dell'iniziativa che - sottolinea Pizzimenti - ha già consentito a più di 26.000 studenti della regione di acquistare, per l'utilizzo di servizi extraurbani o urbani tra due o più comuni interni al territorio del Friuli Venezia Giulia, il nuovo abbonamento scolastico residenti Fvg a un prezzo pari al 50% del valore del corrispondente titolo di viaggio non agevolato, diventa operativa anche l'iniziativa rivolta principalmente agli studenti che risiedono nei Comuni a confine con il Veneto».

Misure sperimentali

«Si tratta - spiega ancora l'assessore - di misure sperimentali che l'amministrazione regionale ha fortemente voluto introdurre quest'anno. Consentiranno di acquisire le informazioni necessarie a valutare ulteriori possibili azioni agevolative da attuare nei prossimi anni con un duplice obiettivo: un concreto aiuto alle famiglie che sostengono le spese per l'istruzione dei propri figli e - conclude Pizzimenti - un incentivo per le giovani generazioni all'utilizzo dei servizi di trasporto pubblico locale».