18 novembre 2019
Aggiornato 09:30
L'intervento

Enti locali, Shaurli: «La situazione dei Comuni Fvg è destinata a peggiorare»

Il Segretario Regionale del Partito Democratico, Cristiano Shaurli: «Nessuna soluzione per mancanza personale ed efficienza servizi»
Cristiano Shaurli
Cristiano Shaurli

UDINE - «A partire dalla mancanza di personale e dalla qualità dei servizi al cittadino, la situazione drammatica dei nostri Comuni è destinata a peggiorare e a patire di più saranno soprattutto i più piccoli. Roberti chiama 'riforma' il nulla e non fa altro che scaricare sui sindaci tutto il peso e la responsabilità di risolvere i problemi quotidiani dell'amministrazione». Lo afferma il segretario regionale del Pd Fvg Cristiano Shaurli, commentando il disegno di legge su Esercizio coordinato di funzioni e servizi tra gli enti locali del Friuli Venezia Giulia e istituzione degli Enti regionali di decentramento amministrativo, approvato venerdì in via preliminare dalla giunta Fedriga.

Nessuna visione del futuro

Premettendo che «non vi è alcuna visione del futuro, nessuna idea di come sarà il sistema dei nostri Enti locali nel 2023», Shaurli indica «i buchi nella cosiddetta 'riforma': nessuno snellimento della Regione, pseudo commissari provinciali solo per l’edilizia scolastica, Comunità che sono le vecchie Unioni di Comuni e che possono essere di 2 o 20 Comuni senza alcun riferimento alle funzioni da associare, nemmeno ai distretti sanitari o socioassistenziali. Nelle Comunità - aggiunge - si prevede che il voto del Comune di Trieste pesi come quello del contiguo Comune di Monrupino: cosa dirà il sindaco Dipiazza già contrario? La risposta è semplice: i Comuni più grandi e già adeguati sopravviveranno mettendo in ginocchio gli altri».