18 novembre 2019
Aggiornato 10:00
Udine | Sicurezza

Tentano di rubare una Punto ma vengono colti sul fatto: arrestati

Si tratta di tre uomini di 22, 23 e 34 anni che sono stati smascherati dalla Polizia. Sabato 19 ottobre il gip ha disposto la custodia cautelare in carcere
Tentano di rubare una Punto ma vengono colti sul fatto: arrestati
Tentano di rubare una Punto ma vengono colti sul fatto: arrestati Diario di Udine

UDINE - Nell’ambito di attività investigativa avviata dalla Questura di Udine per la prevenzione e repressione di reati contro il patrimonio in ambito cittadino, soprattutto in orari serali e notturni, personale della Squadra Mobile, con l’ausilio dei colleghi della Squadra Volante, nelle prime ore del 19 ottobre ha tratto in arresto, in flagranza di reato, tre soggetti (di 22, 23 e 34 anni), residenti o domiciliati in questo capoluogo, autori del tentato furto di una autovettura Fiat Tipo di proprietà di un residente a Udine.

In particolare intorno alle ore 22 del 18 ottobre, personale della Squadra Mobile ha notato in una via cittadina tre uomini sospetti a bordo di una Fiat Punto, che da quel momento è stata costantemente seguita a distanza. Alle 23 l’auto, dopo aver girovagato per la città, si è fermata e i giovani a bordo, scesi dal mezzo, si sono diretti a piedi in via Roggia di Palma, dove sono stati notati avvicinarsi a una Fiat Tipo e armeggiare sulla serratura del portellone posteriore, per poi allontanarsi dal luogo subito dopo.

Gli agenti hanno accertato che il nottolino della serratura del portellone era stato forzato, verosimilmente con un cacciavite, e che l’auto risultava aperta; pertanto, ipotizzando che i tre malviventi sarebbero ritornati sul posto per rubare il veicolo e utilizzarlo per la commissione di ulteriori reati predatori, veniva predisposto un servizio di osservazione che permetteva di accertare che, poco prima dell’una, i tre giovani tornavano sul luogo: due entravano all’interno dell’autovettura per cercare di metterla in moto, il terzo rimaneva nei pressi fungendo da ‘palo’. Tuttavia, a seguito dell’attivazione del sistema d’allarme sonoro, i malviventi si allontanavano dal posto venendo immediatamente bloccati e arrestati. Sabato 19 ottobre, in sede di udienza di convalida, il gip disponeva per i tre la custodia cautelare in carcere.