21 ottobre 2020
Aggiornato 23:30
Amaro

Furti in autogrill: restano in carcere i due stranieri fermati dalla Polstrada

Si tratta di un cittadino bosniaco di 58 anni, e di un cittadino serbo di 35 anni

AMARO - Nel tardo pomeriggio di lunedì 28 ottobre, il personale della Sottosezione Polizia Stradale di Amaro procedeva all’esecuzione di due decreti di applicazione della misura cautelare in carcere emessi dal Tribunale di Verona nei confronti di B.M., cittadino bosniaco di 58 anni, e di H.N., cittadino serbo di 35 anni.

I due soggetti erano stati sottoposti a fermo di polizia giudiziaria dalla Stradale di Amaro poiché si erano resi responsabili di furti su veicoli in sosta all’interno dell’Area di Servizio ‘Scaligera Est’. Grazie alla collaborazione fra tutti i comandi di Polizia stradale interessati, i malviventi sono stati fermati lungo l’autostrada A23 in comune di Gemona del Friuli e trovati in possesso della refurtiva e degli effetti personali sottratti al malcapitato automobilista presso l’Area di Servizio di Verona, di documenti di identità risultati poi essere rubati e di arnesi atti allo scasso.

Visto il pericolo di reiterazione del reato e il pericolo di fuga, nonché l’evidenza dei reati commessi, il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Verona ha ritenuto di disporre l’applicazione della misura cautelare in carcere. I soggetti verranno pertanto trattenuti nel carcere di via Spalato, dove già si trovavano dall’11 ottobre, data di esecuzione del fermo, in attesa dello sviluppo del processo.