18 novembre 2019
Aggiornato 09:00
Serie A2

Mercoledì nero per l'OWW Udine che perde a Ferrara

La formazione friulana si lascia sfuggire un'occasione clamorosa per raggiungere la capolista Verona
Mercoledì nero per l'OWW Udine che perde a Ferrara
Mercoledì nero per l'OWW Udine che perde a Ferrara

UDINE - Una brutta Old Wild West Udine lascia i due punti sul campo di Ferrara cedendo agli estensi con il punteggio di 83 a 71. La formazione friulana perde un'occasione clamorosa per raggiungere la capolista Verona, caduta sorprendentemente sul campo di Orzinovi e viene sorpassata in classifica dalla stessa Ferrara.

I bianconeri sono sembrati meno in palla dei padroni di casa, con giochi mal eseguiti in attacco e una difesa che, soprattutto nei primi 20' (nei quali Udine ha subito la bellezza di 50 punti) è sembrata a lungo perforabile come il burro. Tra i singoli, nel complesso positive le prestazioni delle ali Fabi (17 punti, al suo high-score stagionale) e Cortese, mentre Cromer, dopo un deludente primo tempo, è uscito nella ripresa cercando di portarsi dietro la squadra. E', però, mancata l'asse playmaker-pivot della squadra: ancora privi di Amato in regia, Penna non ha saputo dare 'i giri giusti' alla squadra, con la palla che, troppo spesso, si fermava nelle mani di Cromer, mentre Beverly, sotto canestro, è incappato in una giornata-no (solo 4 punti e 5 rimbalzi) con Zilli ancora menomato dalla maschera protettiva.

Dopo i primi 20' da horror (forse l'avvicinarsi di Halloween ha influito?), in cui Ferrara ha accumulato vantaggi sempre più crescenti (massimo divario -19 a metà secondo quarto, dopo due liberi di un imprendibile Wiggs), l'OWW ha tentato di ritornare in partita grazie ad una difesa finalmente tignosa e a qualche buon canestro dalla distanza. In apertura di ultimo quarto Udine è arrivata a -5 (62-57) e più volte a -7, ma Ferrara, con i cesti di un ottimo Baldassarre ha chiuso la partita rimandando a casa con le pive nel sacco i friulani che dovranno cercare il riscatto domenica al Carnera con Caserta.

«Ferrara ha strameritato di vincere. Dovevamo opporre energia e aggressività, ma non siamo riusciti a trovarle. Nel secondo tempo siamo tornati sotto a Ferrara, ma la squadra di casa ha vinto alla fine legittimamente. Dobbiamo pensare a ritrovare un po' di salute: senza questa è difficile avere l'energia necessaria per vincere queste partite», ha commentato a fine incontro coach Ramagli.

Feli Pharma Ferrara - Apu Old Wild West Udine 83-71 (26-13, 50-36, 62-54)
Feli Pharma Ferrara: Sekou Wiggs 18 (6/10, 1/4), Patrick Baldassarre 15 (2/6, 3/4), Folarin Campbell 13 (3/5, 1/2), Tommaso Fantoni 13 (6/8, 0/0), Luca Vencato 6 (1/2, 0/0), Michele Ebeling 6 (0/0, 2/6), Alessandro Panni 6 (0/1, 2/3), Eugenio Beretta 6 (1/4, 1/1), Alessandro Buffo n.e., Giovanni Ianelli n.e., Alessio Petrolati n.e., Carlo Balducci n.e.. All. Leka.
Tiri liberi: 15 / 24 - Rimbalzi: 36 9 + 27 (Luca Vencato 10) - Assist: 21 (Luca Vencato 9)
Apu Old Wild West Udine: T.j. Cromer 19 (6/14, 1/5), Agustin Fabi 17 (1/3, 4/6), Riccardo Cortese 13 (2/3, 3/6), Michele Antonutti 12 (2/4, 2/3), Giacomo Zilli 5 (2/2, 0/0), Gerald Beverly 4 (2/6, 0/1), Vittorio Nobile 1 (0/0, 0/1), Lorenzo Penna 0 (0/1, 0/2), Andrea Amato n.e., Mihajlo Jerkovic n.e.. All. Ramagli.
Tiri liberi: 11 / 16 - Rimbalzi: 26 3 + 23 (Michele Antonutti 7) - Assist: 18 (T.j. Cromer 7)