25 febbraio 2020
Aggiornato 16:30
La sfida

Alessandro Borghese torna in Fvg per raccontare le eccellenze enogastronomiche della Carnia

Il format «4 ristoranti» in questi giorni è in regione per girare una puntata in Alto Friuli
Alessandro Borghese torna in Fvg per raccontare le eccellenze enogastronomiche della Carnia
Alessandro Borghese torna in Fvg per raccontare le eccellenze enogastronomiche della Carnia Ufficio Stampa

TOLMEZZO - Non c’è due senza tre. Grazie alla ormai stretta e consolidata collaborazione tra Promoturismo Fvg e la produzione del programma Dry Media, lo chef Alessandro Borghese e la sua troupe ritornano da lunedì 4 novembre e per la terza volta in Friuli Venezia Giulia, accendendo i riflettori sulle eccellenze enogastronomiche della Carnia.

I precedenti in Fvg

Dopo la nomina del miglior ristorante di frontiera a Trieste nel 2016, che ha visto come vincitore il ristorante Chimera di bacco e del miglior ristorante con annessa cantina vitivinicola del Collio nel 2017 per il quale è stato nominato l’agriturismo Wine&Beer Alturis di Cividale del Friuli (aderente alla Strada del Vino e dei Sapori del Fvg), quest’anno sono i piatti e i prodotti della Carnia a essere i protagonisti per il Friuli Venezia Giulia della puntata che uno dei programmi enogastronomici più seguiti e appassionanti del panorama televisivo italiano dedica alla nostra regione. Da lunedì 4 novembre a giovedì 7 si svolgono infatti le riprese del programma che vedranno sfidarsi a colpi di prelibatezze i 4 ristoranti scelti dalla produzione come partecipanti.

Una vetrina per il territorio

Alessandro Borghese 4 ristoranti - la produzione originale di Sky prodotta da Drymedia - è un’importante vetrina per tutto il territorio sia per la promozione della nuova Strada del Vino e Sapori del Fvg sia per la valorizzazione del patrimonio naturalistico e dei tesori culturali dei borghi delle valli della Carnia, grazie alle molteplici riprese che verranno effettuate nei luoghi di interesse turistico. Il tema della puntata è top-secret, non rimane che attendere qualche mese e augurare ai ristoranti in sfida un in bocca al lupo e che vinca il migliore!