22 febbraio 2020
Aggiornato 01:30
Eventi a Udine

Ein Prosit, l'assessore Franz conferma la volontà di riproporre l'evento in città

«Siamo determinati a fare in modo che questa edizione sia la prima di una lunghissima serie», ha detto l'esponente della giunta udinese
Ein Prosit, l'assessore Franz conferma la volontà di riproporre l'evento in città
Ein Prosit, l'assessore Franz conferma la volontà di riproporre l'evento in città Diario di Udine

UDINE - «Fa un immenso piacere che questa prima edizione udinese di Ein Prosit sia stata unanimemente archiviata come un successo straordinario. Per noi, quella di portare la kermesse a Udine, dopo vent’anni di presenza nel Tarvisiano, è stata una sfida nella quale abbiamo creduto fin dall’inizio e vinta nonostante le iniziali resistenze di alcuni». Lo dichiara l’assessore al turismo e grandi eventi Maurizio Franz. «Oggi fortunatamente - prosegue l’assessore - queste perplessità si sono trasformate in un coro di richieste di trattenere per i prossimi anni la manifestazione in città, al quale non posso che rispondere che, essendo stati gli artefici dell’accordo con il Consorzio del Tarvisiano, siamo i primi ad essere consapevoli del valore di Ein Prosit e della visibilità che garantisce a Udine a livello internazionale, e quindi dell’importanza della continuazione di questa collaborazione».

«Ma questa prima edizione - aggiunge Franz - ha rappresentato anche un’importante occasione per iniziare a definire un metodo di lavoro basato non solo sulla collaborazione tra i vari territori del Friuli, dal tarvisiano ai comuni limitrofi a Udine, ma anche sulla sinergia che si è venuta a creare con la Regione e l’Università. Noi, come amministrazione, abbiamo contribuito mettendo a disposizione ben sette tra le più prestigiose sedi di proprietà del Comune, permettendo così agli ospiti della manifestazione di calarsi nella storia e nell’arte della nostra città, dal Salone del Parlamento del Castello, a Casa Cavazzini a palazzo Morpurgo a palazzo D’Aronco. Il risultato, solo per fare un esempio, è che uno dei più importanti blog cinesi, Cheryl Tiu, dedica ad Ein Prosit e all’intero Friuli un lungo e dettagliatissimo articolo. Ma anche altre testate e riviste di settore stanno dedicando in questi giorni ampio spazio all’evento, contribuendo a dargli una visibilità internazionale».

«Voglio quindi ringraziare - conclude Franz - quanti hanno contribuito al raggiungimento di questo successo, dal Consorzio del Tarvisiano alla Regione ai tantissimi locali che hanno ospitato eventi e degustazioni, e garantire a coloro che ancora hanno dei dubbi che, come amministrazione, siamo determinati a fare in modo che questa edizione sia la prima di una lunghissima serie».