8 dicembre 2019
Aggiornato 01:00
Udine

Vaccinazione antinfluenzale, il presidente dell'Ordine dei medici dà il buon esempio

Maurizio Rocco si appella ai colleghi: "Fate come ne"
Vaccinazione antinfluenzale, il presidente dell'Ordine dei medici dà il buon esempio
Vaccinazione antinfluenzale, il presidente dell'Ordine dei medici dà il buon esempio Ufficio Stampa

UDINE - Il vaccino antinfluenzale è sicuro. «Fate come me! Vaccinatevi», formula l'invito in particolar modo ai medici il presidente dell'Ordine dei Medici di Udine, Maurizio Rocco che si fa immortalare 'live' durante l'iniezione vaccinale eseguita dal medico di base Stefano Celotto. La 'diretta' della testimonianza avviene proprio nella sede dell'Ordine dei Medici di Udine, luogo da cui il Presidente esorta i cittadini e le categorie lavorative a rischio ad aderire alla campagna.
I medici e il personale sanitario sono fra le categorie a cui il ministero della Salute raccomanda l’immunizzazione, gratuita anche per i donatori di sangue.

A chi è consigliato il vaccino?

A quei soggetti, in particolar modo gli anziani over 65 anni, come riportato nei foglietti illustrativi, che presentano maggiore rischio di complicazioni, per lo più pluripatologici e affetti da malattie croniche di una certa gravità (soprattutto a carico dell'apparato respiratorio e cardiovascolare). La vaccinazione è consigliata anche a quelle persone che per motivi di lavoro sono a contatto con la popolazione (medici, insegnanti, forze dell'ordine, chi lavora per vari motivi nelle comunità). Vista l'importanza della valutazione dello stato di salute complessiva del paziente e delle interazioni con terapie già in atto «è fondamentale la valutazione del medico di medicina generale». Quanto alle donne in gravidanza, l'Oms ritiene che non vi sia alcuna controindicazione ad eseguire la vaccinazione antinfluenzale ma che anzi questa potrebbe essere anche consigliata. 

Fino al 31 dicembre 

La vaccinazione antinfluenzale può essere effettuata gratuitamente fino al 31 dicembre. Basta prendere appuntamento dal proprio medico di base o recarsi presso le strutture sanitarie pubbliche. Eccetto per i bambini che vengono sottoposti per la prima volta alla vaccinazione (fino ai 9 anni in cui è opportuna una seconda dose di richiamo), per tutto il resto della popolazione una sola dose di vaccino è in grado di garantire un’adeguata immunizzazione per tutta la stagione.

Evitare ricoveri inutili e costi evitabili

Obiettivo primario della vaccinazione antinfluenzale è la prevenzione delle forme gravi e complicate di influenza e la riduzione della mortalità prematura in gruppi ad aumentato rischio di malattia grave. Ogni anno l'influenza determina elevati costi a carico della comunità, sia in termini di spesa sanitaria (farmaceutica e ospedaliera) sia di costi sociali, per le assenze dal lavoro per cure proprie e dei familiari. Inoltre, il ricorso all'ospedalizzazione per il trattamento di forme influenzali, anche non complicate, soprattutto in persone anziane, comporta serie ripercussioni sulla ricettività dei reparti ospedalieri con possibili disfunzioni operative.