8 dicembre 2019
Aggiornato 01:00
La mozione

Udine, Fdi propone il test antidroga per assessori e consiglieri

La proposta del capogruppo in Consiglio comunale Luca Vidoni e del consiglieri Antonio Pittioni
Udine, Fdi propone il test antidroga per assessori e consiglieri
Udine, Fdi propone il test antidroga per assessori e consiglieri Facebook

UDINE - Test antidroga per gli assessori e i consiglieri del Comune di Udine. La proposta arriva da Fratelli d'Italia, come annunciano Luca Onorio Vidoni, capogruppo e commissario cittadino di Fdi e il consigliere comunale Antonio Pittioni. «Come Fratelli d'Italia abbiamo deciso di presentare in Consiglio comunale a Udine una mozione per la prevenzione e il contrasto delle droghe e delle dipendenze patologiche», hanno chiarito.

«I dati sulla diffusione della droga e delle dipendenze - si legge in un comunicato - sono drammatici. L'Italia è al terzo posto in Europa per il consumo di cannabis e al quarto per quello di cocaina, ci sono 92 tipi di droghe sintetiche che girano nelle piazze italiane mentre un milione e mezzo di giovani abusa dell'alcool. Tale emergenza sociale impone che le Istituzioni, sia a livello nazionale che locale, mettano al centro del proprio impegno la lotta alla Droga e alle dipendenze patologiche. Per questo - proseguono i due consiglieri di Fdi - abbiamo presentato una mozione per chiedere: l'assegnazione di una delega specifica nella lotta alla droga e alle dipendenze patologiche; l'istituzione di un Osservatorio comunale sulle droghe e dipendenze patologiche; a prevedere, in sede di bilancio, un apposito fondo dedicato alla lotta alla droga a alle dipendenze patologiche; la realizzazione di campagne informative, di sensibilizzazione e prevenzione in materia di dipendenze patologiche da droghe, legali e illegali, e comportamentali».

«Con la stessa mozione - conclude Vidoni - chiediamo che tutti i consiglieri comunali, gli assessori e il sindaco si sottopongano periodicamente al test antidroga, se possibile con l’analisi del capello. Visto che le istituzioni devono dare il buon esempio, soprattutto alle nuove generazioni, sono convinto che tutti, a prescindere da appartenenze politiche, accetteranno di sottoporsi al test senza esitazioni».