25 gennaio 2020
Aggiornato 12:00
Inchiesta Sereni Orizzonti

Blasoni torna a casa: l'imprenditore friulano lascia il carcere

I suoi avvocati sono riusciti a ottenere la misura degli arresti domiciliari
Blasoni torna a casa: l'imprenditore friulano lascia il carcere
Blasoni torna a casa: l'imprenditore friulano lascia il carcere Facebook

UDINE - Massimo Blasoni è tornato a casa. L'imprenditore friulano coinvolto nell'inchiesta sulla presunta truffa che il suo gruppo, Sereni Orizzonti, avrebbe perpetrato ai danni di diverse pubbliche amministrazione nella gestione di residenze per anziani, ha lasciato il carcere di via Spalato nel primo pomeriggio di martedì 10 dicembre.

Una prima richiesta di scarcerazione era stata respinta dal Tribunale del riesame una quindicina di giorni fa. Martedì i difensori di Blasoni, Luca Ponti e Fausto Discepolo, sono invece riusciti a ottenere il provvedimento restrittivo degli arresti domiciliari al posto della detenzione. «Siamo estremamente soddisfatti per l’accoglienza della nostra richiesta», ha commentato l’avvocato Ponti dalle pagine del Messaggero Veneto. Blasoni si trovava in via Spalato dal 24 ottobre.