25 gennaio 2020
Aggiornato 12:30
Cronaca | Udine

Riproduce la targa della Vespa: denunciato per il reato di falsità

Indagine della Polizia giudiziaria della sezione Polizia stradale di Udine
Riproduce la targa della Vespa: denunciato per il reato di falsità
Riproduce la targa della Vespa: denunciato per il reato di falsità Facebook

UDINE - Un cittadino italiano è stato denunciato a piede libero per il reato di falsità dopo aver presentato alla Motorizzazione Civile di Udine una pratica di re-immatricolazione di un motociclo Piaggio Vespa, applicando una targa contraffatta. A procedere è stata la Polizia giudiziaria della sezione Polizia stradale di Udine.

La targa era stata acquistata dal denunciato tramite un sito on-line e riprodotta con pari caratteristiche e sigla alfanumerica di quella originalmente rilasciata per il motociclo, mezzo che invece risultava essere stato radiato intenzionalmente con denuncia di cessata circolazione. Incomprensibile quindi che vi fosse la materiale disponibilità della targa originale, che per detta pratica di demolizione, va consegnata unitamente alla documentazione di circolazione agli uffici del pubblico registro automobilistico.

I veicoli di interesse storico e collezionistico infatti assumono maggior valore economico se muniti della loro targa di immatricolazione originale, ecco che alcuni soggetti si avvalgono di queste aziende che riproducono appunto le targhe dei veicoli storici, per cercare di immatricolare fraudolentemente il veicolo e fargli ottenere maggior interesse collezionistico e finanziario.

Le aziende che riproducono queste targhe di immatricolazione per i veicoli d’epoca sono autorizzati a farlo qualora non vi sia apposta l’effige raffigurante il marchio della Repubblica Italiana e con l’avvertimento che le stesse possono essere utilizzate al solo uso collezionistico, possano essere utilizzate solo in aree private e nel rispetto delle vigenti leggi, avendo solo valore decorativo. L’episodio è frutto di un assidua collaborazione tra la Polizia stradale di Udine e il locale Ufficio della Motorizzazione Civile, che lavorano costantemente in sinergia per reprimere i fenomeni di immatricolazioni fraudolente.