29 maggio 2020
Aggiornato 07:00
Fvg

Il Consiglio regionale approva la legge di Stabilità. Fedriga: «Testo ambizioso»

Per il governatore la legge valorizza la famiglia, promuove gli investimenti, tutela il lavoro e investe su sanità e welfare
Il Consiglio regionale approva la legge di Stabilità. Fedriga: «Testo ambizioso»
Il Consiglio regionale approva la legge di Stabilità. Fedriga: «Testo ambizioso» Regione Friuli Venezia Giulia

UDINE - «Quella approvata è una legge di Stabilità che valorizza la famiglia, promuove gli investimenti, tutela il lavoro e investe su sanità e welfare: un testo articolato e ambizioso che mira a rendere il Friuli Venezia Giulia sempre più protagonista di quella grande stagione di riforme avviata con la manovra del 2019». È questo il messaggio lanciato dal governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, in merito alla legge di Stabilità 2020 approvata dal Consiglio regionale con 28 sì del centrodestra e 18 no delle opposizioni. 

Andando al cuore della manovra, la Regione ha messo a disposizione 44 milioni di euro a favore delle famiglie, «risorse - ha spiegato Fedriga - che coprono un ampio ventaglio di iniziative, dall'asilo nido gratuito per i secondi figli all'estensione dello sconto del 50 per cento sul trasporto pubblico anche per le tratte urbane, dal contributo per i centri estivi al ripristino dei bonus bebè». Sul fronte delle attività produttive, il governatore si è soffermato sull'azzeramento dell'Irap per le aree montane, sulle agevolazioni relative alla medesima imposta per chi investe in regione e sul credito d'imposta per le imprese che realizzano interventi di innovazione. «Rilevante è inoltre - ha proseguito - il sostegno che intendiamo dare al comparto turistico (2,8 milioni di euro nel triennio 2020-22), che verrà messo in atto attraverso PromoTurismoFvg. Inoltre, il Friuli Venezia Giulia sarà la prima regione a puntare sui 17 obiettivi (Sustainable development goals) inseriti nell'agenda 2030 per lo Sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, attraverso un finanziamento di 1,15 milioni di euro (500mila nel 2020 e 650mila nel 2021)». La Stabilità prevede anche interventi straordinari di dragaggio per 2 milioni di euro negli approdi marittimi, lagunari e fluviali in seguito agli ultimi eventi calamitosi che hanno colpito la Regione, in particolare Lignano, Grado e Monfalcone. Viene anche consentito l'utilizzo delle risorse del Fondo di rotazione per finanziamenti agevolati alle imprese che anticipano il contributo previsto per gli interventi di efficienza energetica (ecobonus) e di adozione di misure antisismiche (sismabonus). Tra le azioni per la montagna, in vetrina i contributi per le manutenzioni dei rifugi alpini, finanziati con 300mila euro, e gli 800mila euro per promuovere gli investimenti agricoli. In merito alla cultura, il governatore ha posto l'accento sui 3 milioni dell'Art bonus, «destinati a favorire la collaborazione tra pubblico e privato e reperire risorse utili a realizzare iniziative di valenza regionale a supporto del binomio cultura e turismo».

Sempre in questo ambito, vengono inoltre messi a disposizione 300mila euro per le startup creative, «una misura innovativa che - secondo Fedriga - sostiene un modello imprenditoriale rivolto a un mondo in costante evoluzione». «Fondamentali le novità sulla salute - ha confermato il governatore - che prevedono il raddoppio degli investimenti per assicurare ai cittadini del Friuli Venezia Giulia strumentazioni all'avanguardia sia sul fronte della diagnosi che della prevenzione. A queste azioni si sommano inoltre le risorse necessarie al completamento dei lavori per gli ospedali di Pordenone, Udine e Trieste». Sul versante degli enti locali, alla concertazione 2020-22 sono stati destinati 5.669.000 euro nel 2020, 23.993.400 euro nel 2021 e 23.809.000 euro nel 2022, mentre l'extragettito Imu porterà 18,7 milioni di risorse in più rispetto al 2019 a beneficio delle municipalità. Altro elemento cardine è il finanziamento del fondo da 20 milioni per gli interventi antisismici negli edifici scolastici, «una conquista di civiltà - ha sottolineato Fedriga - per la sicurezza dei nostri giovani in caso di calamità naturali». Allo sviluppo della portualità e della logistica sono poi destinati 5,5 milioni complessivi sul 2020 per le spese correnti e un milione di euro per gli investimenti, ai quali si aggiungono 1.150.000 euro per iniziative sui porti di Monfalcone e Porto Nogaro. Infine, per quanto riguarda l'ambiente, oltre ai contributi per la sostituzione degli infissi si aggiungono quelli ai privati per la rottamazione delle automobili inquinanti e l'acquisto di veicoli green. Provvedimenti che si abbinano all'azione del valore di oltre 20 milioni di euro per il rinnovo del parco mezzi degli enti pubblici, a dimostrazione dell'attenzione posta dall'Amministrazione regionale all'ecologia e alla riduzione dell'inquinamento.