26 novembre 2020
Aggiornato 08:30
Palmanova

Deiezioni canine su suolo pubblico: lettera del sindaco a tutti i padroni di cani

Martines: “Chiediamo di rispettare le regole di condotta e pulizia. Intensificheremo i controlli”
Deiezioni canine su suolo pubblico: lettera del Sindaco a tutti i padroni di cani
Deiezioni canine su suolo pubblico: lettera del Sindaco a tutti i padroni di cani Facebook

PALMANOVA - «Nonostante i precedenti avvisi inviati a tutti i detentori di cani negli anni precedenti, e nonostante il posizionamento degli appositi distributori di sacchetti da utilizzare per raccogliere gli escrementi, abbiamo verificato come l’abbandono degli stessi persiste, causando notevole disagio ai passanti e al decoro della città di Palmanova e delle frazioni di Ialmicco e Sottoselva». Inizia con questo appello la lettera che il Sindaco della città stellata Francesco Martines ha voluto inviare agli oltre 600 padroni di cani che risiedono a Palmanova. Sono diverse le segnalazioni giunte alla Polizia Locale per la presenza, in abitazioni o strade, di segni di deiezioni o di urine canine. Da qui la decisione di richiamare alla collaborazione e al rispetto delle regole di condotta e pulizia oltre a sensibilizzare i proprietari con l’obiettivo di contenere questi comportamenti.

«Una città più pulita è una città più bella e più vivibile. La raccolta delle deiezioni dei propri animali e la pulizia con acqua delle parti dove i cani fanno la pipì è doverosa sia per ragioni di decoro che di igiene. Inoltre, rispettare le regole aiuta a far superare ogni forma di intolleranza verso la presenza degli amici a quattro zampe nella nostra città. A tutto ciò si aggiunge il dispiacere di vedere intaccata l’immagine della Città stellata agli occhi di coloro che decidono di visitarla e di compromettere il pubblico decoro dei centri abitati del Comune» aggiunge il primo cittadino.

Il Comune di Palmanova, che ha da tempo avviato un’attività preventiva di informazione, ha deciso di intensificare i controlli notturni e diurni con lo scopo di applicare un sistema di sanzioni introdotto con l’ordinanza sindacale 117/04: «Tutti i proprietari o conduttori di cani o di altri animali da passeggio, in luogo pubblico o privato aperto al pubblico, devono dunque munirsi di appositi strumenti di pulizia (sacchetto e paletta) o prodotto similare per la raccolta degli escrementi degli animali e provvedere all’immediata rimozione degli stessi. Ai trasgressori sarà comminata una sanzione amministrativa pecuniaria di 38 euro, importo che potrebbe essere incrementato in caso di persistenza di tale situazione».
E la lettera si conclude con: «Amare gli animali significa anche rispettare l’ambiente e comportarsi con senso civico. Chi vive con un cane ha il diritto di portarlo fuori di casa. Chi abita in città ha altrettanto il diritto di non imbattersi negli evidenti segni lasciati dai cani sul suolo pubblico e di trovare i marciapiedi e angoli delle strade puliti. Sappiamo che solo una minoranza è irrispettosa delle esigenze di tutti ma abbiamo bisogno della collaborazione e del sostegno di tutti».